Metrica: interrogazione
665 settenari (recitativo) in Venceslao Roma, Bernabò, 1716 
Vincislao sempre invitto,
grand'esempio e gran pena,
Le tue vittorie, Ernando,
del poter nostro; hai vinto
vieni, onde al sen ti stringa, (L’abbraccia)
amico duce. (S’abbracciano)
                         Oh sempre
non dee lasciarmi ingrato.
                Temo nel prezzo
Vil non fia ciò che puote
Dirò, poiché lo imponi.
tutto il premio ch'io cerco
in sé racchiude un volto.
                    Ernando amante?
                 (Ah più nol soffro).
                            Ammutisci,
che non fia chi 'l sorpassi
E ch'ei tema, gl'aggiungi,
che un mio servo, un Ernando
Vedrem ciò che far possa,
                    La principessa...
                          Appunto.
allor che stanno in vita.
E qui giunta è poc'anzi.
                                   Io stesso
                          Che chiedi?
vi affissate, o miei lumi?)
(Il mio Gildo v'è ancora).
Gildo? (Da parte tra loro)
                Chi sei, che chiedi.
                              Lucindo.
                    Sì, l'erede
                                Io seco
scambievol fiamma; io seco
Ed ancor fai del sordo? (Come sopra)
fa ch'io 'l sappia, onde possa
                     Vado via.
                    Ho gran da fare.
e seco è il duce, il solo
                           E grande!
                  Or la dimora
Ma qual è il tuo consiglio?
Pria che risorga il giorno
               Riparo allora
                              Oh dio!
                             Perché?
non è offesa al tuo grado,
                      Mia cara?
                L'amor d'Ernando
grande offesa è al tuo grado.
Questo è 'l tuo sol comando,
                                      Amore.
Questo è il tuo sol desio,
non c'è alcun buco in corte
ma poi circa al suo aspetto
Di' ciò che vuoi ch'io dica
Gerilda, oh dio, non più.
più dell'Istro e del Tebro,
principe, i passi, a quanto
«Per quanto ha di più sacro (Legge)
                    Casimiro,
tuo egual, che meco io trassi
                                Assento
Se in più beltà t'adoro,
E se, ch'il ciel non voglia,
(sia detto in fondo al mare)
senti che punto è questo;
                                 A te
Vanne ch'or or vedrai (In disparte)
godrà l'amico; io 'l nodo
                    Già nel mio core
son reo, lascia che almeno
parli il labro e 'l confessi,
voglio esser reo né posso.
S'è ver che m'ami Ernando,
Fuor del mio sposo ogn'altra
egli è il prence e l'erede
                              Appunto
ch'io ti volea, t'ho giunto.
                          Adagio un poco,
                           Poc'anzi
                           Ah troppo,
                                   È tempo...
giunser mai con gl'incensi
O tu, che ancor non veggio
t'è di Lucinda e 'l nome?
Fede non le giurasti? (Casimiro non la guarda)
Dunque all'armi spergiuro. (Dà di mano alla spada)
Su stringi il ferro e temi
                    Io cedo, o forte
perché, se un dì ti pare,
                                 Io temo
E pur cresce nel seno (Scende vicino al tavolino)
Che acciaro è quel? Che sangue
ne stilla ancor? Qual colpo
                  Parla.
                               Poc'anzi...
Andai... Venni... L'amore...
Lo sdegno... (Una ne l'altra
Gran timido è un gran reo.
                                       Oh dei!
                                   Ed io,
Io morto? Ho vita, ho spirto
                            Oh ferro, (Tra sé)
che il tuo dolor mi chiede.
per me avvampar; ma il foco
sparso era il ciel, quand'egli
                              (Oh cieco
quell'orror, quel pallore, (Aditando Casimiro che sta confuso)
Già cedo al nuovo affanno.
                     Sì la spada.
Dal duro offizio, o Ernando,
                               Or vanne
Ma se il prence al mio amore
                          Ah inumano! (Fingendo la voce)
Aimè! Che questa è l'anima
                                 Ah Gildo!
Elisa? Oimè! Chi è stato (Gli si accosta)
Eccomi qua col lume, (Con un candeliere in mano)
Il malan che ti dia. (Si scopre il volto e Gildo resta immobile con il lume in mano guardandola)
Giove, non pensar già (A Gerinda)
                         Oh sorte!
                              Venga.
                                Deh! Come
m'è il dono tuo, lo accetto
                              E vita
                                 Regina,
                    In Casimiro
                             Padre.
Va' pur; ti è cara, il veggio,
                               Sì presto
Pera anche il re ma 'l colpo
che tu 'l comandi o 'l vibri?
                                Parmi
                            A questa
                                Ad amarti
già il mio cor s'apparecchia
                            E senza
                     E prendi in questo
                    Ahi pena!
                                         Ahi sorte!
                    Sì, ma vanne
                           Opportuno
Erenice, Lucinda, (Da sé passeggiando)
ch'io chieder posso; ah! Prima
                                Al soglio
piego umil le ginocchia. (Casimiro ascende al grado del trono e s’inginocchia innanzi al padre)
(Non anche, o cor, t'intendo).
e assolver non ti posso. (Corona il figlio)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8