Metrica: interrogazione
703 endecasillabi (recitativo) in Gl'inganni felici L., Venezia, Nicolini, 1696 
del sudato trionfo il premio e 'l vanto. (Ascende sul trono)
vinti gli altri in possanza emoli atleti,
quand'ei non sia d'ignobil sangue e vile,
tutto d'Elide il regno in premio acquista.
penetri de' miei sensi e 'l cuor mi vedi,
Sono i primi caduti. Al braccio mio (Lotti con due o tre atleti e gli atterri)
                                          Quello son io.
                                          Ad una scossa
                                          Il fiero incontro
                               Forse funesto.
                                        (Sifalce è questo). (Lottano)
Quanto han costor di lena. Eguale ad essi
                                                Sento mancarmi
                              Cedimi, uom forte.
Non cedo al tuo valor, cedo a la sorte. (Parte)
Mancan altre vittorie? (In positura di lottare)
                                           Assai facesti.
Non diedi al ciel le mie preghiere invano.
Lascia che al regio piè, Clistene invitto,
                                                Eroe che vince (Lo abbracci)
degno è di questi amplessi. Ormai ricevi
verdeggino con fasto i regi allori. (Si leva la corona di alloro e lo coroni. Suonino intanto le trombe)
va d'un'alma sì grande? Io già nel volto
Patria m'è Atene e son Demetrio, figlio
Principe amico, al sen ti stringo e al nuovo
                                     Forza è ch'io parta.
ti attenderà sposo e consorte al regno. (Si vada oscurando la scena)
di regnar non mi curo, altro non chiedo. (Scenda dal trono)
allunghino la vita accesi lumi. (S’illumina la scena. Segue il ballo di lottatori armati)
per riveder la figlia, alma, in tormento.
il miglior di me stessa, alma, ed onore.
Qui trovai l'infedel, che sazio e stanco
sotto altre spoglie è d'Agarista amante.
Sin che un giorno ei si penta, io qui mi fingo
degli astri osservatrice, arte già appresa
fin da' primi anni miei. Perfide stelle,
d'Oronta il nome e quasi il sesso e 'l volto.
                               Se astrolago foss'io,
Altro io non so che i crudi affanni miei.
                 Principessa.
                                          E ben, qual fato
                                         Io già osservai
e se pur non m'inganna il cielo e l'arte,
da le stelle non vien ma da quegli occhi.
                                                 Da que' sospiri
                                                  A me ti fida.
                                  Aimè, che ascolto?
                                   Rendi piu angusta
                                Troppo m'è grave,
                                                      Ah non turbarmi
Se mio non è Armidoro, altri non voglio.
Sia qual egli si vuol, l'odio e 'l rifiuto.
che 'l passaggio è più dolce ed amoroso
dagli amplessi di padre a quei di sposo.
Pietà, Alceste, se mai piagarti il petto
lo stral che ti ferì? Scuopri l'oggetto.
Ama certo Sifalce, oh gelosia! (A parte)
Di che arrossisci? Ergi nel cielo i lumi;
                        Ed aita.
                                         Amo Armidoro.
                                         Fu il suo pennello
                                          (Il cuor respira). (A parte)
                                                         E forse
                                          Ah se sì audace
                               Il soffriresti in pace.
                                       Amor m'aiti.
                                                            Posi
(Oppresso è dal dolor; non mi risponde).
                                   Qui sei?
                                                     Pur senti.
ad altro oggetto abbia 'l pensier rivolto,
non è per te la sorte, il posto è tolto. (Parte)
che lo attendessi e pur nol veggio; ah quali
raggiri ei volge? E quanto il tien lontano
                                           Alcun non m'ode.
Inutile è il consiglio. Ascolta e taci.
                               O violenza, o frode
                                               Usa il tuo ingegno.
gli aspettati guerrieri. Io di quel regno
Appoggio al senno tuo sì grave incarco. (Arbante parte)
                                                              Io leggo
                                            L'arte t'inganna.
                                    Eccomi a l'opra.
                                  Ecco la destra.
                                                              (O cara!)
Di una linea ho stupor che qui si stende.
            Infedele in amore.
                                                (Oh dio! Che ascolto?) (A parte)
(Al traditore impallidisce il volto). (A parte)
                                                    (È vero). (A parte)
                              Da queste linee chiaro
(Destra, fin che ti stringo, io son felice).
                                       Ascolta. Arte già appresi
sforzo a dirmi il futuro; a me, se vuoi,
                               Come? Tu cinto
                                        Alceste, ho vinto.
                          Tal sono. Or d'Agarista
                                        Ne godo.
                                 Io, pria che a lei sia sposo,
                                           Ella mel disse
                                        Deh, caro Alceste,
va' e dille ch'io per lei piango e sospiro;
sol le ascondi i miei casi e 'l grado mio.
                                         Amico, addio.
più ti adorna con l'arte; ed ecco appunto
a chi vuoi ch'oggi infiori e che corregga
sposarne un solo e vagheggiarne cento. (Si parte)
Padre, morir, pria che lasciarti io voglio.
ti acheti il duolo e ti rasciughi il pianto.
                                          In dì sì lieto
lo sposo acquisti e 'l genitor non perdi.
Sarò figlia al dolor, sposa a la morte.
Or via, snoda la lingua a' dolci accenti.
Eccomi pronto. (Sifalce siede alla spinetta)
                               Io qui m'assido. (Si asside rimpetto a Sifalce)
                                                               Or senti. (Accompagni il canto col suono)
                   Che? Non ti piace?
                                                        Altra ne trova.
travestito già in Sciro a me i lamenti...
a dir con l'altrui pianto i miei tormenti).
                                           (Fors'ella gode
La lingua mia già del suo fallo avvista,
M'ha confuso il chiaror de la tua fronte.
la risposta gentil di Deidamia. (Agarista va alla spinetta)
(Parlar così teco, Armidoro, intendo). (A parte)
                                 Ma troppo osasti.
Ingannaste sol voi gli affetti miei). (A parte)
nuncio m'inchino. Il tuo Armidor poc'anzi,
che se tu non m'aiti, Alceste, io muoro».
                                         E 'l disse a pena
che in deliquio d'amor mi svenne in braccio.
E 'l lasciasti così? Temo ed agghiaccio.
Così stette gran tempo; infine al volto
che avria mosse a pietà le belve istesse.
lo sgridai che troppo alto alzasse il volo.
             «Viltà e timor dovean frenarti».
               «Cara beltà, voglio adorarti».
              Mi disse: «Se mi nieghi aita,
così vil qual ti sembro»; e poi partissi.
                                            Il tutto io dissi.
                              Chi sa? Sovente
Ciò ch'è oggetto al desio tema è del cuore.
Brama il chiaror d'una regal corona
chi non ne prova il peso; e pur quell'oro
è luce che tormenta e non illustra.
solo il re custodisce e più d'ogni altro
perché il comun travaglio in sé risente.
                                  È mio l'uffizio; or vado.
udirò ciò ch'ei chieda. (O quanto orgoglio!)
monarca invitto e mio signor sovrano,
Clistene, a te cui Pisa, Elide e tutto
d'Elle il flutto vicin serve e soggiace,
d'affetto in segno invia salute e pace.
la tua figlia in isposa al prence Orgonte,
di re sì grande unico figlio erede.
Clistene, e poi che non farà di grande
a' nostri acciari il tuo poter congiunto?
Ove mai giungerà de l'armi vostre
sconosciuto il terrore? Io già preveggo
pender tremante e poi vassallo il mondo.
con quella brutta sua fisonomia,
più che d'ambasciator ceffo ha di spia). (A parte)
che un re sì grande e formidabil chieda
la mia alleanza e l'amor mio, vedrallo,
Ben del chiesto imeneo, che a me sarebbe
di vantaggio e di gloria, il non poterne
dispor m'è grave a suo favor. La figlia
ho promessa in isposa; e torre altrui
l'obbligata mia fé, come potrei
irritare ad un punto uomini e dei?
(Ciò m'era noto e simularlo è forza). (A parte)
ch'altri per lui sia ingiusto. Ei sarà sempre
de la tua gloria amico e del tuo impero.
Tal finor l'ho pregiato e tal lo spero.
riposerai fin che ti aggrada e quante
puote un genio sovran grazie impartirti,
Clistene te le accerta. Oggi disposta (A’ suoi cortigiani)
sia la caccia regal nel vicin parco.
a pro del mio signor che, quando sono
di vantaggio al suo prence, i tradimenti
perdono il nome; e son virtù, non colpe;
o se pur colpe son, sono innocenti.
ti disegno con l'ombre e già m'avveggo
un tuo sguardo val più del mio pennello. (Si mette a dipingere)
a colorire un volto; e se non erra
egli è 'l ritratto sol del volto mio.
ch'arda al vostro chiaror voi non vorrete,
scopri al ritratto e a l'esemplar le taci?
Ma d'avervi a guastar temono i baci.
(Miei rispetti non più). Tanto, Armidoro,
per un ritratto hai le pupille accese?
(Oimè! Certo il conobbe o pur m'intese). (Sorge e nasconde il ritratto)
Ti turbi? E tu 'l nascondi? Io mi contento
ch'ami quel volto; (ei capirà).
                                                       (Che sento?) (A parte)
                                       E la conobbi.
                                              Anzi lo voglio.
                                     Non me ne offendo.
                                      (Così l'intendo). (A parte)
                                          Che?
                                                      De l'imago
                              E in me ti affissi?
                                                                 Or io
che tu fossi, credea, l'idolo mio.
                                                Il tuo bel volto
distinguer non saprei da quel che innanzi
                                      (Così l'intendo). (A parte)
                                   Il cuor mi chiedi.
                                                                     A nulla
                                             Son pago,
quando avrò l'esemplar, darti l'imago.
                   (Bell'artifizio amor mi detta). (A parte)
                 Ora in lui ravviserò quel volto
che il sen ti accese. È questi un vetro. Errasti.
miri il tuo volto, egli è 'l ritratto istesso.
Finger non posso più. T'amo Armidoro.
                              Godo vederti, o figlia,
men torbida la fronte e più tranquille
sotto il ciglio seren l'egre pupille.
                                            Infausto nome.
I molli vezzi ed il gentil sembiante
Mi riapri la piaga ancor grondante.
a' vicini diletti invido affanno,
oggi a caccia regal meco verrai.
Mi proponi un piacer ch'io non curai.
più t'infiora le chiome e più pomposa
rendi la tua beltà. Che ben conviene
fregio maggiore a dignità di sposa.
E in isposo Demetrio il regio padre
                                       E non ti turbi?
                                         Sono tradita.
                                        T'abbia Demetrio
                                        Taci, spergiuro.
Se Demetrio ti sposa, altro non curo.
                                           Ancor ti adoro.
                 E se m'ami ancor, fa' ch'io ti veggia
labirinti di duol l'anima inciampa?
Forse così la mia costanza ei tenta.
vo' veder di schernire arte con arte).
Demetrio sposerò, già che tu 'l brami.
                           L'alma mi brilla.
                                                            Ah indegno
                                                      O caro sdegno!
                                      Mi dai la fede?
Mi scorderò fin d'Armidoro il nome
                                         Sempre, Agarista,
gastigami così ch'io mi contento.
                                         O fier tormento!
Tu mi amasti? Tu mai? Vile ch'io fui
ad abbassar l'affetto mio regale
Ah una bella discolpa è quel sembiante.
                                      Il gran disegno
                                        Caccia regale
per me nel vicin bosco oggi ordinata
ha Clistene; con lui verrà la figlia.
                                     A lei d'intorno
                                         Inermi e sparsi
cadranno agl'improvvisi urti primieri.
Ma come uscir col prezioso acquisto
                                    È poco lunge il lito,
ove su forte legno, a tal effetto
le bianche vele inver la Tracia a' venti.
Ben oprasti. Secondi il ciel gl'inganni.
il temuto fulgor de la tua spada.
Chetatevi, o pensieri; a che agitarvi
Per pochi indugi a tolerar vi esorto.
                                       (Scoperto io sono).
Ma Sifalce, che dissi? Orgonte sei.
Principe no, ma traditor, ma solo
                                (E come il seppe?)
                                             (Mi sembra insano).
Che vedesti? Che udisti? A che mi sgridi?
Cose vidi ed udii che sì agitato
e non so come vivo e come spiro.
                                Ascolta. Erami accinto,
Per iscuoprir de' tuoi novelli affetti
a scongiurar gli spirti averni e Pluto...
ombra pallida, esangue e fuor de l'uso
entra il cerchio segnato e tutta lorda
di sangue e pianto a me sì parla e spesso
tra il singhiozzo e 'l sospir rotta la voce.
del tessalo monarca unica figlia.
per troppo amor, per troppa fé già morta».
                         E non ti turbi?
                                                      A me che importa?
                               Altro hai che dirmi?
                                                                      Ascolta.
«va' e Sifalce ritrova; ah non Sifalce
ma Orgonte l'infedel, che mi tradì,
e per me in fiero suon sgridal così:
violator lascivo, alma da trace,
ingannando una vergine innocente?
che te già del suo cuor, te del suo regno,
te del suo letto avea chiamato a parte
col titolo di sposa, anzi di serva.
a trar torbide notti e freddi sonni,
tu 'l peso sostener del tuo peccato,
E puoi frenar i pianti ed i sospiri,
                    Rider mi fai. Perché ti adiri?
«Ma a che lacrime spargo? A che consumo
inutili lamenti? Ah se nol credi (Snuda uno stilo)
a me, credilo a un ferro; e perché io possa
seguirti ed agitarti, ombra insepolta,
al mio sangue, o crudel, credilo ormai». (Alza il ferro per piagarsi)
Ciò disse e fece la tradita Oronta;
poi con alto sospiro a l'aure sparve.
Questi furono, Alceste, o sogni o larve.
                            E 'l misero racconto
                              Ho 'l cuore in calma e solo
troppo al vivo esprimessi il volto e i gesti.
(Cor mio più non sperar; troppo intendesti).
de l'onor mio, de la mia pace. O numi
Così dolente, Alceste? A me i sospiri,
                                           (Alma, per poco (A parte)
frena il giusto dolor). Di che t'affligi?
                                               E come il sai?
ah vil che fui, le fiamme mie scoperte
ed io le sue dal suo bel labro intese,
anzi con lieto ciglio udì l'infido
col principe Demetrio i miei sponsali;
e mi soggiunse poi l'empio spergiuro:
«Quando t'abbia Demetrio, altro non curo».
(O vago scherzo!) Ei t'ingannò, né affanno
nascer ti dee da così dolce inganno.
E pur tu prendi a scherno il mio martoro?
Quando Demetrio avrai, lascia Armidoro.
Io Demetrio giammai? Pria s'apra il suolo.
quel principe Demetrio, a te consorte.
                         Il ver. Sei più infelice?
                                                                    O sorte.
                                          Anzi mi alletta.
Ma vo' anch'io meditar la mia vendetta.
E pur ritorni ad agitarmi il seno,
o mio tradito amore? Ancor sopporti
l'ingrata compagnia d'un infelice?
forse care ti son, già piansi tanto
per troppo lacrimar l'uso del pianto.
                            (Ecco Armidoro).
                                                              (O quale (A parte)
             (Qual odio)...
                                        (In sen mi bolle?)
                                                                           (Io sento?)
Forse ch'è mio rival ma nol pavento. (A parte)
                                              Ad ogni piede
                                      Ove son io
                                        Poco m'importa.
                                    E forse troppo
Altrove il folle ardir ben punirei.
Né qui né altrove io so temer Sifalce.
                                 Dunque la spada impugna. (Si battono)
                          Entro al real giardino
                        (Son confuso).
                                                     Ov'è l'ardire?
più lodevol la sua de l'arte mia.
                                          È ver. (L'inganno (A parte)
                                            Ognuno esponga
giudice me le sue ragioni. Il labro
dee decider la lite e non il brando. (Si asside)
                                          Giusto è 'l commando.
Io pur m'assido e le ragion d'entrambi
                                     Armonico concento...
                               In ciel si pregia.
                                         Il mio li canta.
E la mia li convince alor che tace.
                              E tu 'l confidi a l'aure.
                                         Un sol momento
vivon le tue; poi le disperde il vento.
Non più. Fu detto assai; decider voglio.
Quanto a lo spirto il corpo cede e 'l senso
                                    Udisti?
                                                    Oh dio!
Così principio a vendicarmi anch'io. (Piano)
Per serbar l'onor mio, meglio è ch'io vada. (Parte)
                                         Dolce commando.
Di' che a lui sarò in breve. E tu qui resta. (Ad Armidoro)
L'alma paventa e non so come è mesta.
(Qual freddo tosco entro del sen mi scorre?)
                                            (Alma, respira).
E sol teco, Armidoro, il cuor si adira.
Vaneggi. Chi è costui? M'è nome ignoto.
Quel tuo amante sì fido e sì divoto.
Me stessa consacrai tutta a lo sposo
Non ho altro amante e questo solo adoro.
                                           Io l'ho presente.
                Amor lo dipinge agli occhi miei.
ciò che in odio aver puoi. Parta il mio nome.
Altro prender ne voglio a te più grato.
Più Armidoro non son. Son già cangiato.
                  Demetrio.
                                       Chi?
                                                   D'Atene il prence.
                   Egli è 'l tuo sposo; egli è 'l tuo bene.
                     E perché mai?
                                                  Non posso amarti.
Odio al par d'Armidoro anche Demetrio.
                                      Non ti diss'io
                                         Dunque chi sei?
                               Sia chi tu voglia.
(Così fingo vendette e pur l'adoro!) (A parte)
Fermati, idolo mio. Ma più del vento
fuggi per non udir gli aspri miei guai.
quando per ingannarmi io vi trovai.
l'affanno mio che già t'ha tolto il senso,
per troppa crudeltà fatto pietoso;
nel furioso ardor le aduste vene
febre troppo maligna, ebro delira;
più agitato dal mal meno lo sente.
tanti sospiri? A che divido l'alma
per un crudel tra lacrime e singhiozzi?
Ah che non piango lui! Piango me stessa;
piango la rotta fé, l'onor perduto;
a sì giusta cagion solo è dovuto.
Alceste, Alceste? In su le molli piume
tacito o posa o dorme; e mesto parmi
che dal duol non respiri ancor dormendo.
cade dagli occhi ancor che chiusi e irriga
                                                     Che ascolto!
Chiudi gli occhi per sempre. A che più aprirli
ed il nome di Oronta e quel di Alceste.
                                     Che veggio? Oh dio! (Alceste alzando gl’occhi e veduta Agarista, tosto risorge)
                                      Fammi palese,
                                      (Certo m'intese).
A che sesso mentir? Che più celarti
a chi tutto il suo cuor t'ha già svelato?
Ma scuoprirlo non val, s'è disperato.
                                       Eccomi pronta.
col racconto dolente il viver mio.
Oronta io son, prole infelice e sola
al tessalo monarca. A la mia reggia
venne Orgonte di Tracia. Un sol suo sguardo
e col nome di sposo, oh dio!, l'onore.
tosto l'orme seguii mentito il sesso
d'altra beltate in altra reggia amante.
                                          Sperar ti giovi.
Forse un giorno vedrai l'infido Orgonte
Si penta sì; non brama il mio tormento
la morte del crudel ma 'l pentimento.
a la caccia vicina omai ti appresta.
Purtroppo del mio sen, veltri spietati,
fan l'aspre doglie mie caccia funesta.
Solo de l'esser mio la sorte e 'l grado
taci; la mia onestà così richiede.
Questo bacio ti sia pegno di fede. (Si baciano e partono abbracciate)
Pegno di fede un bacio? Occhi il vedeste?
E lo diede Agarista? E l'ebbe Alceste?
mi han tradito così? Dunque io dovea
la chiarezza oscurar del sangue mio
con gl'imenei d'una beltate impura?
Sorte fu ciò che vidi e non sciagura.
Tu ricalcitri, o cuor? Tu le tue fiamme
con quelle del mio sdegno ancor bilanci?
Sento che vincer vuoi; né ben a tanta
perdita sai risolverti e ti piace
ancor d'amante, ancor d'amico il nome.
se vincer non ti posso. Ecco mi accingo
a portar lunge il piè da queste soglie,
un empio amico, una lasciva moglie.
mia bellissima fiera. Ove più folta
nega l'ombra selvaggia adito al sole,
l'attenderemo al varco; e alor che giunga
vedremo al bosco e a questi orrori intorno
non conosciuto o non atteso il giorno.
Tu qui, Aiace; qui, o Silvio; e tu, Tersandro,
e fa' che non ti fugga il mio Melampo.
Tutto è in ordine omai. Ben m'avvegg'io
che una caccia a dispor non v'è un par mio. (Prende il suo posto)
Insoliti accidenti; ed è Sifalce
                                        Il tuo bel volto
può servir sol di scusa a quell'infido;
e 'l difendo così dentro al mio cuore;
è forza per quel volto arder d'amore.
la pietà mi rattristi, o sia che questi
de' famelici alani e sol dagli urli
sian fomento a l'orrore, o che lo spirto
lo voglia anticipar col suo spavento,
non so perché, l'alma languir mi sento.
Così cerchi Armidoro; e l'occhio forse,
ne avvisa il cuore e 'l cuore a l'alma il chiede.
              Coraggio amici. (Combattono e poi fuggono li soldati di Agarista)
                                             Ah traditore! (Oronta trattenga Sifalce ed esso respingendola senza mai guardarla vada ritirandosi nel bosco)
                                                 E dove iniquo?
col mesto avviso al genitor dolente. (Parte)
ti spiacerà di non avermi uccisa.
Né mi bada, il crudel, né mi ravvisa.
O vibra il ferro o me conduci ancora.
Esser può di periglio ogni dimora. (Sifalce nell’uscir dal bosco, trattenuto da Oronta, impaziente rivolgendosi con furia l’urti e la getti in terra e poi si parta. Oronta resti in terra tramortita)
                           Ecco il terreno asperso,
seguirò 'l traditore. A me confida
le tue vendette ed al valor de' miei.
A dirti il vero, io non mi fiderei. (A Clistene)
                                   Fia ben che tosto
(Così ripongo in sicurtà la preda). (Parte co’ suoi guerrieri)
d'una femina vil, non d'un re forte,
ne' casi estremi antidoto ozioso.
manda armate falangi e fa' che tosto
contro il trace rattore i grechi abeti.
                                         Sì che dal trace
vengono i tradimenti. In quel Sifalce
sta ascosto il figlio al re de' Traci, Orgonte.
                                     Sempre il dicea
che quel ceffo di spia non mi piacea.
fan certa la tua perdita. Che badi?
tosto al lido ogni armato; escan dal porto
Se la figlia è perduta, anch'io son morto.
sol per vostro sollievo al lido asciutto.
Forse de l'infedel potrem nel guardo
incontrar chi me uccida e a voi risparmi
un lagrimar più lungo; o forse il mare
non perché d'un sospir, d'un pianto solo
termini la mia morte e poi mi lasci,
in su l'arene ombra insepolta, esangue.
da' sacrileghi muri, e pur son lungi
dal mentitore Alceste; e sol son meco,
ad onta del mio duol porvi in obblio?
                                                Ancor, vil alma,
                                         Cieli che miro!
Se non vuoi che m'affliga, a me nascondi
Co' baci un dì vendicherò quest'onte.
Parmi che Arbante tardi. Io qui fomento
con l'indugio i miei rischi. Andiam mio bene.
                                                          Al voler mio
chi sottrarti oserà? (Afferrandola per condurla al mare)
                                     Deh chi mi aita?
Benché nol merti, a tuo favor son io. (Avvanzandosi verso Agarista)
                                  O fiero oggetto!
Menti; uom vile tu sei né i miei natali
Nacqui principe anch'io; stringe in Atene
scettro gemmato il genitor Clearco.
                                 Son pronto.
                                                         Alcun sì ardito (A’ suoi soldati)
non fia che turbi 'l mio cimento. Io tutto
voglio il merito sol, voglio la gloria.
                                         Così desio.
(Se non vince Armidor, morta son io). (Si battono)
(Quanto è forte costui!) Posiamo alquanto. (Si ritira un passo addietro)
Ma forza alfin sarà che al suol tu cada. (Tornano a battersi)
sia fato o tua virtù, meco pugnando
col braccio atleta e cavalier col brando.
                                      Forza di fato.
Sì Armidoro, son tua; tu mio sarai.
vieni, infedele e non parlarmi mai.
punì 'l ciel le mie colpe. Il sangue mio
mi rinfaccia delitti e vergognosa
così l'alma sen fugge e mi abbandona.
miserabile spettro, ombra infelice,
Tu mi dai morte e non il ferro e sento
in te, non ne la piaga il mio tormento.
vacilla il piè, l'occhio si oscura e tutto
Col mio morir sei vendicata, Oronta.
han bevuto l'arene! Orgonte, Orgonte.
Qual ferro osò cotanto! Ed impunito
Ah cada pria l'empio uccisor esangue;
poscia col pianto mio spargasi il sangue.
l'orme non inseguir. Viva egli in pace.
pene, se tu l'uccidi. Ah non lasciarmi
riva di Flegetonte, ombra più mesta.
M'è legge il tuo voler. Coraggio, Orgonte.
Sì ch'egli è desso. Orgonte, anima mia,
ma tal non ti volea. Ditemi, o cieli,
vi chiesero mai questo i miei lamenti?
io strappata mi avrei l'infame lingua.
Crescon le pene mie nel duolo altrui.
con cui mi uscì lo spirto! Ah crudo ferro,
vieni anche il mio trafigi! A la mia destra
così risparmierai forse un delitto.
              Spira per anco.
                                            E trattenuta
i miei caldi sospiri han la fredd'alma.
d'un inutil dolor. Di terra, amici,
sollevatelo alquanto. Ecco a la piaga (Arbante solleva di terra Sifalce ed Oronta, sostenendolo con una mano, con l’altra li lega al petto un annello)
                                                   Ed ecco
ch'ei le languide luci apre e respira.
                                        Egli delira.
Questa forse d'Oronta è la sembianza
che mi rinfaccia i tradimenti e l'onte?
O troppo a me fedel, troppo ingannata
bell'ombra, eccoti Orgonte alfin pentito.
Caro Orgonte, vaneggi. Ancor tu vivi,
non so se per fuggirmi o per bearmi.
Tu vivi e se nol credi il sol rimira
scossa da' miei sospiri; è quello il lido
che ti sostien pietoso. Io sono Oronta,
non ispirto, non ombra; e se nol credi,
che non han tatto l'ombre o i nudi spirti. (Gli dà la mano)
a' tuoi begli occhi e nel mio fier tormento.
vivrò ma per amarti e perché 'l pianto
l'offese che ti feci un dì cancelli.
Voglio affetto e non pianto, occhi miei belli.
folti nembi di polve. Ad ogni rischio
                                     Io nulla temo.
                                                       Andiamo.
Ti seguo, o caro; e tu sostienlo, Arbante.
Finito ha di penar l'anima amante.
da corteccie sabee succhi ed incensi,
pietà ti muova un genitor languente,
e ritorna la pace a un re dolente.
                                 Ov'è? Ma come?
Lo fa impazzir la troppa contentezza.
Che ti turba? Che feci? In che peccai?
Vieni, infedele, e non parlarmi mai.
Figlia, pur ti riveggio. E qual buon nume
                                                  Ei fu Armidoro,
                                               Io ti detesto
                                         Demetrio è questo.
esser a la tua figlia e già fu tempo
che l'amai, che la chiesi e l'acquistai...
                                          E perché mai?
                                        Sono innocente.
«Questo bacio ti fia pegno di fede?»
E l'ebbe Alceste ed Agarista il diede.
                              Par poco un bacio
Diedi un bacio ad Alceste e l'ebbe Oronta.
                          Alfin da tante risse io veggio
                                        Alceste è donna,
figlia al tessalo re, per nome Oronta.
Fole son queste. E perché qui nascosta
o di Orgonte più tosto, il tracio prence
che tradita l'avea, l'orme infedeli.
A torto sospettai, perdona, o cara.
Principessa, a' tuoi piedi eccoti Oronta.
or mio sposo e pentito, e seco Arbante
ti chiedono perdon de' lor delitti;
e al real genitor per me tu 'l chiedi.
Amica Oronta, un dì sì lieto e caro
non si turbi dagli odi; e tu, mio padre,
agli errori d'Orgonte e a quei d'Arbante.
Agarista, non più. Basta un tuo priego,
a vincer del mio sen tutti i rancori;
venga a turbar così felici amori.
                                                    Io taccio.
Ed io, in segno d'affetto, ambi vi abbraccio.
E voi pur condonate, anime illustri,
                                   L'idolo mio
stringendo al seno ogni vendetta obblio.
                                     Vuoi tu ch'io sia
                                            Entrambi i nomi,
                           Ed o felici inganni!

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8