Metrica: interrogazione
680 endecasillabi (recitativo) in Lucio Papirio dittatore Vienna, van Ghelen, 1719 
Per sì grand'opra, dittatore eccelso,
Prive del maggior duce armate schiere
o non han freno o non han core; e puote
In sue trincee ben chiuso il nostro campo
                        Manca ardir forse al figlio?
No; ma troppo e' rispetta un mio comando
che a lui vieta pugnar finch'io ritorni.
che in ozio il tiene neghittoso e lento,
sarà intanto sua legge e suo tormento.
                                   E voti io formo,
e per Quinto germana, ardenti e puri.
E più illustre e più degno, a te ben tosto (A Papiria)
Cominio di quest'alma idolo e nume. (Piano a Papiria)
Arde anch'egli, o Rutilia, al tuo bel lume. (Piano a Rutilia)
                                   Il militar tribuno?
                  Amica. (Piano a Rutilia)
                                  Egli di Quinto un foglio
scrive al Senato? E al dittator non scrive?
                                                        Eh! Figlia,
errò; ma incauto errò. Donisi agli anni
trascorso giovenil. Che reca il messo? (A Servilio)
Viva Fabio? A la Curia il passo affretto.
gli esempi a rinnovar di Giunio e Tito.
Deh! Lo segua Servilio e a noi ritorni.
nel denso de la turba aprirsi il calle.
Il poterti ubbidir mi è gloria e sorte.
né so perché. L'alma è in tumulto e in pena;
parmi averli presenti. O dei! Che fia?
Se il mio Fabio qui fosse, avrei più pace.
Vinti sono i Sanniti e Fabio ha vinto;
rivedrò Fabio? E sarà vero? O gioie!
Qual fu la pugna? La vittoria? Il core
più gode a l'or che più conosce il bene.
erano al gran conflitto. Infausti o dubbi
                                    Venne e placolli.
né ardia pugnar. Fiero il nemico intanto
non sien romani o sien rimasti i vili.
il più facile è sempre ad esser vinto.
Ov'è 'l tuo cor? Sei tu Romano? Il sangue
hai tu de' Fabi? Io sì 'l rampogno e sgrido.
non ti vieta il pugnar, quando la pugna
Scosso a' miei detti, ordina, accende e muove
le schiere; esce del campo, assale ed urta
entrano ne la mischia; e nulla al loro
van prigioni o dispersi. Un solo giorno
de la guerra ha deciso; e a la vittoria
campo, spoglie, trofei, conquiste e gloria.
Né a te, prode guerrier, manca il suo pregio.
Ma 'l padre che dirà? Che 'l dittatore?
che approvaro gli dei con lieto evento?
Nol so. So che 'l cor mio non è contento.
che d'illustre virtù, di nobil merto.
                                        E le tue leggi
n'ebbe il consiglio tuo, n'ebbe il tuo braccio.
Qualunque siasi, a te si ascriva il pregio
                                               Va', segui, o duce,
non del più amante. A me ubbidir conviene.
Sta in tua virtù del nostro amor la sorte;
sii più ch'altri romano, opra da forte.
                             Onde il tuo duol?
                                                               Da l'ira
del dittator. Vede il divieto infranto;
                                               Spinto
dal suo furor, già sen va Lucio al campo
e al vincitor di amplessi invece o premi,
Io ne tremo per lui, l'amor che ho in petto
né cotesta pietà chieggio al tuo core,
                                Che?
                                            Non han tutti
coi Valeri è congiunta e coi Metelli.
più di Rutilia assai, Roma e 'l Senato.
più degno oggetto a' tuoi superbi amori.
la ragion del trionfo. Il porvi piede,
pria di udirne il voler, parrebbe orgoglio
e vincitor modesto ottien più lode. (S’apre la porta della città e calandosene il ponte levatoio, n’esce Papiria seguita dal popolo di Roma che tiene in mano rami e ghirlande di alloro)
al suo duce, al mio sposo. Io potea sola
                Da qual rischio?
                                                Aimè! Che fia?
                                              Fuggi. A momenti
                           Chi è reo paventi e fugga.
Contra invidia e poter che può innocenza?
O dio! Già sento il fier comando e veggo
fasci, scuri, littori... Ah! Fuggi, o sposo.
                                             E morte infame.
                                        T'amo, o Papiria,
prega un padre crudel che non sia ingiusto,
Qui fermo al dittator mostra il suo torto
puote sdegno e livor, que' scudi ed aste
parte a voi se ne dia, parte a le fiamme.
Sciolti vadan gli schiavi; e non ci usurpi
invidia altrui de le nostr'opre il frutto.
                  Oh! Qual preveggo angoscia e lutto!
se lagrime di figlia in cor di padre...
il padre non ascolta; e a piè di giusto
tribunal non si accosta amor né pianto.
                                       Null'altro il labbro
                                                           È sommo.
                                    Senato e plebe
                                                           Al solo
                                  A consultar gli auspici.
Frale è poter senza il favor de' numi.
                                   Più dei Sanniti,
Disubbidisti, iniquo, e n'avrai morte.
morte ingiusta, o signor, son troppo avvezzo
fra cent'aste a sfidar per non temerla.
te cieca invidia, non ragion, non legge.
Ciò che il tuo non poté, fece il mio braccio.
non perché combattei. Che più faresti
Roma salvai. Tu nol volevi. Io 'l feci.
era un tradir la patria e la mia gloria.
non so se tanto avrai, giovane audace,
                                  Più che la fama,
che virtù non fu mai morir per colpa.
tu a morir non condanni anche la figlia.
E con lui tu non perda il campo tutto.
                                          Sedurmi ancora
si vuole e intimidirmi? Olà, che mora.
Cadrò là da guerrier, cadrò da forte;
mi venga, o Lucio, ad assalir la morte.
                                        Genero a Lucio...
                                        Perdona agli anni...
in disprezzo io sarei, Roma in periglio.
Non un Fabio però, non un mio figlio.
A Roma, o Lucio. Ivi i suoi falli e merti
bilancerà il Senato. A lui da un troppo
e s'ei giudicherà che sotto il taglio
di una scure il reo cada, io sarò il primo
a Roma e nel Senato. Ivi o 'l tuo figlio
o in sua man deporrò quello i cui dritti
sosterrò, finch'io 'l regga, eccelso grado.
e che avrà in Campidoglio, ove sperava
il mal chiesto trionfo, infamia e pena.
E tu risparmia i prieghi, asciuga i pianti,
È ver, Fabio è tuo sposo, io te lo diedi;
ciò che caro mel fece; e a te pur tolga
Segui l'esempio mio. Più che col senso,
o se moglie esser vuoi, non sei più figlia.
Figlia e moglie, che fo? Qual di due beni
men di protervia. Egli mi è padre. Ah! Come
oltraggiarlo tu puoi? Questi mi è sposo.
Dei! Che farò? Giusta nel padre è l'ira.
Reo nel marito il fasto. A me sol tocca
Chiegga Fabio il perdon, Lucio lo dia;
sia Papiria egualmente e figlia e sposa.
Reo di ardir, reo di amore, a' tuoi begli occhi
Se Quinto cade, il mio consiglio il perde.
Il tuo consiglio diè vittoria a Roma;
del tuo illustre fratel s'agita il fato.
pur se scritto è là su ch'ei perir debba,
per chi muor per la patria e fra i trionfi.
Ma ancor lo spero. Avranno cura i numi
di tanti eroi. Roma impor leggi al mondo
dee per voler de' fati. Il grande impero
pugnerà il cielo, la virtù, la gloria;
combatterà il mio amor, la mia amistade;
che alternino fra loro il bene e 'l male.
Partito il caro amante, ecco il noioso.
Se sai d'esser molesto, a che cercarmi?
Disprezzato, ho 'l piacer del vendicarmi.
Che più dirai, se di novelle infauste
tra Lucio e Marco, in pien Senato, a lungo
Qual fu de' padri, ivi raccolti, il voto?
                                        E in mano ancora
                                Rutilia non risponde? (A Servilio)
Le sovvien de' miei torti e si confonde. (A Papiria)
Tribuno è ver, me ne sovvengo; e n'hai
io qui m'abbassi a la viltà dei prieghi.
                         Ma con virtù superbo. (A Papiria)
Adempi il tuo dover. Sol per tua gloria
un Fabio, un vincitor, vedran le genti
Ragion mi farà il padre. A te già piacque
Vano ah! Sia mio timor, non tua pietade.
unì sprezzi a ripulse, ingiurie a sprezzi.
a te oltraggio sarian, queste ad entrambi.
pesa il merto e l'error. Qualunque siasi,
l'approverò, che non mi offende un retto
giudicio e più del figlio amo le leggi.
                                                 Eh! Da l'esterno
Tu vedi il padre ma 'l roman non vedi.
a me di giudicarlo; e che il suo fallo,
eccoti, o padre, un figlio; e se ne impetro
(Mi scaccia il padre? O fulmine che abbatte
                                         Scostati.
                                                           O cieli!
Contro di Fabio tu, mia sposa, ancora?
(Che pena è simular con chi si adora!)
e non ascolto chi è nemico al padre. (In atto di partire)
lascia la mano, ond'io m'asciughi il pianto
e va' quella a fermar che ti minaccia.
                                  Tu 'l provocasti.
misero, i mali tuoi, li fa il tuo orgoglio.
                                          E vidi ancora
più del giudice offeso il reo feroce.
si è posta e, quasi insuperabil muro,
ei si plachi, ei ti abbracci e sposa io sono.
Ambe il littor minaccia, io vo' salvarle.
E un Fabio si vedrà chino e sommesso?
                                     E 'l saprà Roma.
Posso implorar pietà senza ottenerla.
In tuo soccorso a l'or verrà il mio pianto.
vivrai con l'odio suo, vivrai col mio.
vado a implorar mia pena. Addio, Papiria.
Sì, vanne al dittator. Fa' ch'ei ravvisi
Son io Fabio? Io prostrarmi? Ahi! Che promisi?
Se 'l fo, me troppo vile! E se 'l ricuso,
troppo infelice! Oh! Meno fossi amante
Non si risparmi il reo, solo si ascolti.
Che? Per espormi a nuove ingiurie ed onte?
Suocero e dittator, Lucio il condanna.
Ei non distinse i gradi, io non le offese.
Giudice, ch'alza il braccio a sua vendetta,
Non errò dunque Fabio? Io sono ingiusto?
Sì; ma sua causa al popolo è rimessa.
tu non v'hai più ragion; né sopravive
E perché miei, dovrò soffrirli? E 'l grado
fia, qual segno a lo stral, scopo a l'insulto?
Quinto dica il suo torto e grazia implori,
Qual giudice v'è mai che ai più malvagi
Giustizia odia i delitti, i rei compiange.
Facil pietà rende più arditi i falli.
Un Fabio a' piedi tuoi frena i più audaci.
Orsù, venga al mio piè ma Roma il vegga.
Non ti basta in sua pena il suo rossore?
E la pubblica pena ha più di esempio.
Quinto è genero tuo, Quinto è mio sposo.
Nulla darai di una tua figlia a' prieghi?
egli in me abbraccerà suocero amante. (Ritirasi a parlare con una delle sue guardie)
                                          (A tempo ei giunge).
S'anche tutti al tuo piè stesser prostrati
che si svenan per lui pietà e natura;
Cieca è giustizia, non distingue oggetti;
e punisce il delitto, ovunque il trova.
Ma tu lo trovi in tutti e un sol punisci.
De l'opre, o buone o ree, la lode o 'l biasmo
cade sul duce; ei pecca in tutti; e tutti
Fabio da' tuoi costretto uscì a battaglia.
serve al maggiore ed il maggiore al sommo.
Fabio aveva i miei cenni; il campo i suoi.
Ei vi resse a la pugna e incorse in fallo.
Voi pugnaste, lui duce e pregio aveste.
voi con merito andaste, ei con delitto.
Non v'ha dunque ragion che salvi a Roma
Al popolo appellossi; e sempre incerti
che chiaro era il misfatto e giuste l'ire;
e l'uno e l'altro di chi regge e impera).
e la placida fronte e la severa). (Si rivolta senza guardarlo, appoggiato ad un tavolino)
che in sembianza di reo ti venga innanzi,
Non dir sciagura tua ciò ch'è tua colpa.
Sol rendimi il tuo amor. Rendimi quello
de la sposa diletta. Ecco al tuo piede... (Ponendosi in atto d’inginocchiarsi, Lucio Papirio a lui si rivolta e lo ferma)
non ti getti il tuo amor ma 'l tuo rimorso.
Alza, Fabio, quegli occhi a questo volto.
Qui non v'è 'l dittator. Lucio vi è solo.
Scrivi al Senato e al dittator non scrivi.
mandi sciolti i prigioni, ardi i trofei.
Che più? D'invidia, di furor mi accusi.
Alza, o signore, il punitor tuo braccio.
Mia pena imploro e tue ginocchia abbraccio. (Quinto Fabio inginocchiasi a’ piedi del dittatore)
                                      Aimè! Tradito io sono.
che conosce il suo torto e vuol perdono.
più ti spaventa che ignominia ed onta?
                     Taci. E tu, crudel...
                                                         Col figlio
mi rispetti anche il padre. Già vedesti
Tu, se ancor ti rimane audacia in petto
vieni al popolo e al Foro. Io là ti aspetto.
bell'oggetto a' grand'avi, in faccia a Roma
precaria e non più mia. Per te era meglio
mal deposta tua spada. (Prendendo la sua spada dal tavolino)
                                             E questa spada
così a te quest'acciar parla e risponde. (In atto di ferirsi)
ei parlerà, quando dal sen mi sgorghi.
                      Prevenir littori e fasci.
Affrettarsi la morte egli è un temerla.
Attendere il supplicio è un meritarlo.
Ma spero a' giorni tuoi più amica sorte.
in sen di padre avrei sì fermo il core?
ti esporranno que' seggi, ond'io più miti
Piacciono a Lucio i rigidi e severi. (S’incamminano per salire su la parte più elevata del Foro ma ne sono arrestati da Lucio Papirio che sopraviene)
che d'altro non è reo che del suo sdegno.
e di silenzio il banditor dia segno. (Al suono della tromba vanno a sedersi il dittatore nella sella curule, Servilio e gli altri capi del popolo in altri seggi nella parte più alta del Foro. Marco Fabio e Quinto Fabio siedono nella parte inferiore)
sta di Roma il poter, fui vostro anch'io
e 'l dia sotto il littor. Qual maggior pena
tutta in festa la patria? Aprirsi i templi?
morir nel Campidoglio? E in faccia ai numi
Qual gioia a' suoi nemici? Ah! Lucio il vuole;
A che mi avete riserbato, o dei? (Siede coprendosi il volto con le mani)
a le leggi, a l'impero, al culto, a Roma.
Farlo a voi piace? Al ciel le vostre teste
«Roma per voi si perde. Io vo' che viva.
Fabio per voi si assolve. Io vo' che mora». (Discende e in atto sdegnoso parte seguito dai littori. Tutti gli altri si levano)
                                                  Si adempia il giusto.
non reo, non vincitor ma cittadino. (Servilio con gli altri discende nella parte inferiore)
andrai ma sempre illustre. (Parte con li capi del popolo)
                                                   Io feci, o figlio,
e anche in faccia al littor mostrati forte.
Tutta a sì mesto addio l'alma si scosse
perché dal ciglio risospingi il pianto?
                                                         Il padre
                                        Che non degg'io
E di costui qual più importuno e audace?
non osa il labbro e 'l tuo dolor rispetto.
                                           Io te l'uccisi?
Vanne, fuggi, o crudel. Togli a quest'occhi
Già ti sprezzava. Or ti detesto. Or t'odio;
sia, qual già del mio amore, or del mio sdegno.
dovea prostrato. Orché il decoro è salvo
Ma incerto de la plebe è ancora il voto.
                                              Ah! Che ne rechi?
                                            Di un dittatore
si dà l'ardir del fallo e del disprezzo.
                                         Aimè! Son morta.
Quello che può salvarlo e a cui si appella.
Fabio ancora appellarsi? A chi? Agli dii?
al tuo cenno il suo fato. Ei qui ben tosto
tratto a te fia da ferrei ceppi avvinto.
Padre, a vita rinasco. Avrò il mio Fabio
                                          Potea salvarlo
Ciò che far ei non volle, a me non lece.
Or non vo' che d'ingiusto ella mi accusi.
Fabio ottenne al tuo piè grazia e perdono.
Se infetta parte, che guastar può 'l tutto,
chi di crudel quel colpo accusa e sgrida?
Scorge più lunge assai chi siede in alto,
O dio! Padre, son figlia e sposa io sono.
Fabio è un tuo don. Perché mel togli? E appena
Vuoi ch'io cada al tuo piè? Vuoi che coteste
ginocchia abbracci? Ecco ti cado al piede;
Sorgi. Ti acheta; e se vuoi pianger, piangi
Padre crudel, tu non sarai più padre, (Papiria si leva con impeto)
che sì poco l'apprezzi. A l'or che un ferro
un altro a l'alma mia troncherà i lacci.
Ah! Più figlia non son di chi mi uccide.
Vien Fabio. A nuovo assalto accingo il core.
Papiria, abbia misura il tuo dolore. (Fermandosi in lontano)
Mia cruda sorte abbia misura anch'ella. (Quinto Fabio si avanza verso Lucio Papirio e Papiria si ferma nel posto di prima)
destra baciar che il mio segnò di morte
a la mano ed al piede, olà, sciogliete. (Un littore si avanza ma Papiria lo risospinge e scioglie di sua mano le catene di Quinto Fabio)
                              Il brando illustre e premio (Al littore)
                                       E di piacer non moro?
                                 Non la mano, o Fabio, (Abbracciandolo)
Io la man bacerò che mi dà vita. (Papiria bacia la mano del padre)
s'anche morte verrà, verrà gradita. (Vengono due soldati, uno de’ quali porta la spada di Quinto Fabio e l’altro sopra un bacino una corona di lauro fregiata d’oro)
la spada trionfal. (Lucio Papirio porge a Quinto Fabio la spada e questi se la ripone al fianco)
                                  Non in mio fregio
ma in difesa di Roma ognor la cinsi. (Lucio Papirio presa la corona di alloro la mette sul capo di Quinto Fabio che si china in riceverla)
In ben oprar premio ha da l'opra il forte.
Non mai sì bel Fabio a' miei lumi apparve.
pieghi al littor sotto la scure il capo;
morir senza il tuo sdegno e con l'affetto
(Parto e al vostro nascondo il pianto mio).
                                              Amplesso il primo
Viver? Nol potrò mai, né consolarmi. (Escono i littori)
Papiria, ecco i littori. A me conviene \
                        No, che in vederti afflitta
Rimanti. Amami. Vivi; e pria ch'io mora,
                                           Del tuo germano
                                           Anzi a gioirne.
Pianto ricusi a chi fra' lauri ha morte.
                                         Armi e tumulto. Han fatto
Vano è 'l timor. Vano il tumulto. Fabio
e 'l popol, che approvò la mia sentenza,
Deh! Con nobil perdono un mal previeni...
Cadran con Fabio i più malvagi e tutti...
non poca parte. La vicina Curia (In lontano su l’alto cominciano a farsi vedere i soldati romani)
Faccianlo. Io solo il grado, io solo il petto
                                   O ferreo core! (Marco Fabio e Quinto Fabio scendono dalle logge seguiti dai soldati)
Che fia? Col genitor Fabio a noi scende.
Roma un reo ti togliea. Mia man tel rende. (Marco Fabio preso per una mano Quinto Fabio lo presenta al dittatore)
Signor, tue leggi adempi. Eccoti il figlio.
a la scure sottrar. Siediti, o Marco; (Si leva dal suo seggio)
succeda al primo. Uno fa esempio a l'altro.
Tale è l'orror che del mio fallo or sento
                                             O basti il mio.
                          Tacciasi. Il tribuno (Vedesi scendere Servilio dall’alto seguito dal popolo, dai soldati, eccetera)
(Spunta ancor nel mio sen raggio di spene).
niente ha in Roma di egual fuor che il tuo core.
Prostrati e tu buon padre e tu reo figlio. (Servilio, il popolo e i due Fabi s’inginocchiano a piè di Lucio Papirio)
Donala agli avi, al padre, a Roma tutta.
Non rispinger il pianto. È Roma, è Roma
ma ch'altri non vedrà china a' tuoi piedi.
Tribun, popolo, Fabi, omai sorgete. (I suddetti al comando di Lucio Papirio si levano)
Vivi al mio amor. Vivi alla patria. Il troppo
l'altrui perdono e 'l tuo, Cominio, ancora.
                          (Mio sfortunato amore!)
Io del tribun? Qual premio? O padre ingiusto!
d'innalzarmi a l'onor de' tuoi sponsali.
Mi ributtò il tuo fasto e in quel ritroso
tuo volto ancor le mie ripulse io leggo.
piaccian nozze a te care. Io ne lo priego.
Né a Servilio che chiede il dono io niego.
ma in quel che tu mi dai lieta mi veggio.
                                Fortunato giorno!
                                            E di virtude.
l'opra è di Lucio e sua pietà si onori.
L'opra è di Lucio e sua pietà si onori.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8