Metrica: interrogazione
681 endecasillabi (recitativo) in I rivali generosi Venezia, Nicolini, 1697 
                                           Elpidia è mia.
                                             E Olindo mora.
E col mio sangue il tuo si sparga ancora. (Si battono)
Principi, e qual furor, qual genio infesto
al greco impero, a cui finor voi foste
gran sostegno ed onor, v'agita? E spinge
Quel ferro che dovria del sangue ostile,
e a l'Ausonia troncar gli antichi ceppi?
apre l'ugne a squarciar di fronte al Goto
fa che nel proprio sen rivolga i rostri,
quale il frutto sarà degli odi vostri?
Sovrano eroe, che del maggior regnante
                                E le virtù sostieni...
                                  Omai permetti
                         Ed i rivali affetti.
Chiamisi Elpidia. Io ben più volte, o prenci,
le brame vostre e gli odi vostri intesi.
                                       E ch'io la vidi.
                                               Primo m'accesi.
Con l'incontro sperai de' maggior rischi
                                          E questo ferro
mi pende forse, inutil peso, al fianco?
                                            D'esserti forse
egual, se non maggior, poss'io vantarmi.
E tanta egualità decidan l'armi. (Tornano per battersi)
E il rispetto si obblia? Dono quest'ire
al vostro merto, al vostro amor, ch'è cieco.
Quetatevi o farò che da' più cari
il basso volgo a più temermi impari.
le vostre risse ascolti e le componga.
Quanto è possente amor su' nostri affetti!
arde Ormonte ed Olindo. Il troppo affetto
è per entrambi un incentivo agli odi.
Tu li racheta, o principessa, e sciegli
uffizio altrove or mi richiama. Addio.
non so se più bramato o più temuto.
ove per fasto amor le faci accende,
                            E il mio morir.
                                                          Dipende.
                                            Ed io divoto...
                                  A mio favore...
                                                               Il voto.
è di affetto volgar troppo incapace.
per sentiero di pianti e di sospiri
di vil beltade al basso acquisto aspiri.
prove da voi d'amor più grande. Udite.
han da sentir l'ultimo sforzo i Goti.
Dov'è piu grande il rischio, amor vi guidi,
Elpidia sia, se pur v'è Elpidia a cuore.
Così serva a la gloria il vostro amore.
Ah rubella del cuor, lingua spietata!
la sentenza crudel? L'amato Olindo,
va tra le morti a ricercar la vita
e tu mandi a ferir chi m'ha ferita.
dolce trionfator. Così secondi
i tuoi colpi, i miei voti amor guerriero.
converrà che atterrita alfin trabocchi,
abbia appreso a ferir da' tuoi begli occhi.
                 Mio re.
                                 Non v'è più spene.
Già perduta è Ravenna e vinta cede
Chi seco ha 'l suo valor non è mai vinto.
No, non m'aduli. Al primo assalto è forza
che cada la città. Ma non è questo
Sola Rosmilda è 'l mio tormento.
                                                             (E 'l mio).
                                                  Ma serva,
ma d'empio vincitor preda lasciva.
l'estremo è de' miei mali. Ah se ancor m'ami,
                                         Vanne ed alora
che de le turbe ostili il fier torrente,
col piede vincitor la reggia inondi,
                                 Che pensi?
                                                        Ah no... Ma poi?...
e in quel fianco innocente... E dir lo posso?
                                       Che! La regia figlia
                 Così ho risolto e così tento
sottrarmi al disonor con un delitto.
                                              O morir deve
Io d'entrambi per lei scielgo il minore.
(Ah per salvarla a me dia ingegno amore).
                                Ruotin or gli astri
Simulerò la mia sventura; e forse
obbligherà l'insolito ardimento
la nemica fortuna al pentimento.
                                A la difesa io volo.
Vitige, e tu che pensi? Ovunque volgi
il tuo pensier, perdite incontri e mali.
che in Elpidia ti fermi e l'infedele
ancor può meritar che tu l'adori.
che da Roma fuggendo, ov'io t'accolsi
hai potuto lasciarmi e portar teco
il più fiero terror de' miei pensieri.
Andiam... ma per qual via, se 'l fiero goto
mi cinge intorno?... A la grand'opra amore
sia consigliero e guida. Odi, o Feraspe.
Fuor de la porta Aquilonar te n'esci
e impetuoso il fier nemico assali.
Vanne e trionfa. Io con drappello eguale,
donde il flutto vicin stagna in paludi,
andrò furtivo ad occupare il tergo.
facil mi fia nel mal difeso albergo.
                              Figlia, (o tormento?)
                                              Il ciel provide.
empia di stragi ogni sentiero e porti
sin entro a questa reggia incendi e morti.
                                     Invan le temi.
                                     Io la servil catena
                                              A l'aria, al vento.
Me tuo sangue, tua figlia e del tuo core
unico oggetto, unica speme? E 'l puoi?
Se mi lasci così, morta mi vuoi.
(Aimè! Qual entro al sen pietà mi scorre!
la natura, l'amor quasi m'han vinto).
Figlia, non paventar. Fra le sue spoglie
il vincitor non conterà Rosmilda;
mai segneranno incatenata a dito.
Non paventar. Convien ch'io parta. Addio.
Se mi lasci così, morta son io.
Padre, così mi lasci afflitta e sola?
m'aita per pietà? Chi mi consola?
Ma che tanto dolermi? E che pavento?
Vanne, inutil timor. Virtù non manchi
a chi manca fortuna. Ho cuor che basta
Su, cada la città; trionfi il greco
de le suddite stragi; e sia Rosmilda
trofeo del vincitor. Tante sventure
potran farmi infelice? Il cuor nel petto
e del primo terror quasi ha diletto.
Presa è Ravenna. Il vincitor nemico
già ver la reggia inoltra i passi e l'ire
sazia di stragi; e tu, mio cuor, che fai?
Che risolvi di te? Vuoi la tua morte
in quella di Rosmilda? Ah che a svenarla
del genitor meno crudele amante.
Bella Rosmilda, e tu de la mia vita
avrai quella pietà che ho della tua?
che una speme sì dolce e sì gradita
a me dona un conforto, a te la vita. (Entra negli appartamenti di Rosmilda)
voce dolente ad impiagar l'udito!
nel petto mio. V'è qualche rischio ancora
degno del mio coraggio. Entrar vogl'io.
                                          Soccorso, o cieli. (Ormonte entra negli appartementi di Rosmilda)
parte nel fiero assalto e parte inteso
sta di Feraspe a ributtar gl'insulti,
ite, o fidi guerrieri. Entro a que' muri
è chiusa la beltà che m'imprigiona.
o mal cauti o dispersi o disarmati,
vi frastorni da un'opra a me sì cara,
o vil timore o cupidigia avara. (Parte de’ soldati di Vitige va a rapire Elpidia e parte resta con Vitige)
a vendicar tanta insolenza, o numi?
de' miei mali il maggior l'esser rapita.
Qui ogn'indugio è periglio. Andiamo, o fidi. (Passano tutti il ponte, quale per ordine di Vitige è tagliato da’ soldati)
Tosto il ponte s'atterri. E tu vien meco.
                               A ricercare in questo
se v'annida di te fiera più cruda.
Se vuoi mostro peggior, prendi il tuo cuore.
Elpidia, non temer che 'l labbro mio
i miei doni, i tuoi sprezzi e la tua fuga.
Da l'ire mie non aspettar vendette,
                                       Questo è quel solo
che mi fa più d'orror. Dimmi più tosto
sempre de l'amor tuo piaghe e tormenti.
Ne le perdite mie, vedi, tu sola
basti a farmi felice e nel tuo volto
io cerco le discolpe al mio destino.
                             Elpidia mia.
                                                      Tu menti.
T'obbliga ad esser mia legge di guerra.
                                              Ma non il cuore.
                             Tu troppo iniquo.
                                                               Pensa
                            Ti placherai.
                                                     T'inganni.
Invan ti priego e tu mi fuggi invano.
Al tuo valor degg'io, principe invitto,
il greco ardir; ma del tuo ferro un lampo
mi troncò i nodi, abbagliò i Goti e solo
nel maggior duce hai sostenuto il campo.
se Italia ha scosso il giogo e se alfin doma
oggi a piegar l'ardua cervice a Roma,
forza è di tua virtù, cui tutto cede.
ciò che dovea, ciò che potea mostrarmi
degno d'amar Elpidia e al par d'Ormonte
di mille rischi oggi sostenni a fronte.
primo piantai le sì temute insegne.
ecco spoglie, ecco schiavi e di Vitige
ecco il duce maggiore ed a' tuoi piedi,
ecco la regal figlia, ecco il diadema.
                                      Al gran valor d'Ormonte
e al suo nobil destin serve la gloria.
                  A te, signor...
                                            L'alto tuo merto
Sorgete, che non dee varia fortuna
né voi miseri far né me superbo.
Chi per te finor vinse a te richiede
ma non tanto ch'io ceda. Elpidia al pari
                                        V'è chi per anco
Quai sono i tuoi trionfi? Ove pugnasti?
ma saranno le mie degne di sprezzo?
                                       A te cotanto
(Più che Ormonte rimiro, ei più m'alletta).
Del tuo valore e de la gloria mia
                                                        Ei sia.
Che non oprai per acquistarti un regno?
Qual rischio non tentai per tua difesa?
Io di Ravenna espugnator primiero.
Io di Feraspe abbattitor felice.
Non cadea la città senza il mio ferro.
Non vivea 'l capitan senza il mio brando.
ebbero per teatro il muro ostile.
I miei per testimonio il duce istesso.
Da' vostri merti io sol rimango oppresso. (Vien presentata una lettera a Belisario, quale in da lui leggendosi ognuno tace)
Principi, qui gara d'onore indarno
vi trattiene in contese. Il fier Vitige
il premio a sì grand'opre. Or or dal campo
così mi scrive il general Fernando.
                            Iniqua sorte.
Ma s'Elpidia è perduta, io vado a morte.
che nemico io vi sia, nulla vi affanni;
se siete in mio poter, liberi siete.
Tu, Alarico, il tuo duce e tu, Rosmilda,
non cangi dignità, cangi vassalli.
E credi che se un dì propizia sorte
mi darà in mano il genitor Vitige,
forse non si dorrà che da le chiome
gli abbia tolto il diadema e di nemico
non vedrà in Belisario altro che 'l nome.
                                         Non più, Rosmilda;
seguimi, o duce e tu rimanti; addio.
Genitor, libertà, sudditi e regno,
tutto perdesti; anche il mio cuore, o dio!
Gratitudine fia, fia genio o fato,
tu mel rapisti, Ormonte, ed io tel devo.
l'alta necessità de l'adorarti.
sì, t'amerò; ma non saprai ch'io t'ami.
che tacciuto è dolor, scuoperto è colpa;
e tu, bel feritor, tu non saprai
tutti gli acquisti tuoi, tutti i miei mali.
ne le tue ingiurie e ne' tuoi doni al pari.
Bella, questo silenzio e quest'orrore
Empio, per detestar colpe sì enormi
                                                     E tu più dura,
de l'aspre pene mie senso non hai?
Finalmente che chiedo, onde mi sdegni?
                                         Aimè! Che tenti?
Se non cedi a l'amor, cedi a la forza.
ponno impetrar questi miei prieghi e queste
o allontana gli amplessi o vibra i colpi.
torni a illustrar l'augusta fronte e torni
del tuo scettro real l'ausonio impero.
                                                   Non l'amo.
                                                    Il cielo.
                                                                    Ad opre
Se non cedi a l'amor, cedi a la forza.
                                      Perfida sorte!
Nessun s'accosti o dentro al sen d'Elpidia
              Ferma, crudel. Qual colpa mai
v'è in quel petto innocente? In questo seno...
Mi muor l'alma sul guardo. Ah torci altrove
l'iniqua punta; e se di sangue hai sete,
eccoti il ferro, eccoti il petto ignudo.
                                   Al primo passo
                                   Fermati, o crudo. (Tornano a poco a poco a riunirsi i soldati di Vitige)
Se uccider tu la puoi, chi potrà torti
a l'ira del mio brando? Egli ancor fuma
de le gotiche stragi; eccoti a fronte
un tuo fiero nemico. Eccoti Olindo.
l'uccisor di Feraspe, io che più volte
cercai ne la tua morte i miei trionfi.
                                  E se non bastan forse
a l'odio tuo sì grandi insulti, omai
riconosci una volta in questo Olindo
il rival di Vitige, in questo ferro
l'uccisor d'Ataulfo. Ancor va gonfia
questa più del tuo sangue avida mano.
Ti sento, amor geloso, ombra diletta
entro del seno mio gridi: «Vendetta».
Più tacer è viltà. Me, me, tiranno,
Eran per me quell'ire. Io dovea sola
già vittima cader de' tuoi furori.
Che risolvete, o vilipesi amori?
                                     Crudel, tu invidi
l'ultima gloria a la mia morte? Ah vivi...
Sì codarda mi stimi? Ho cuore anch'io
                                  La tua m'uccide.
Qual piu agitato cuor del mio si vide?
                            Svena il mio petto e un colpo
                                               Il tuo furore
contro Elpidia è barbarie, in me è vendetta.
Il tuo periglio e l'odio mio tel chiede.
In che t'offese Elpidia? Olindo è 'l solo
che tutto meritar può 'l tuo furore.
si consacri al piacer de la vendetta.
Libera Elpidia sia, purché tu resti
La fé ricevo e la mia vita impegno.
le ragioni de l'odio e, se mi amate,
custoditemi Elpidia; io vivo in essa.
E tu prenditi il ferro e 'l sen mi svena. (A Vitige)
                                     O cari ceppi,
                                     Ahi qual tormento!
Io vado, Elpidia, a morte e lieto io vado
col piacer che tu viva e forse m'ami.
ch'è l'ultimo respir del viver mio.
più felice consorte. Un solo istante
dona talvolta a chi per te sen muore.
Lunge inutili indugi. Ogni momento
a l'ingorda vendetta è un gran tormento.
Viver poss'io, quando a morir tu vai?
Dopo tante del cuor smanie importune
te in libertà, te in sicurezza io trovo,
O sicurezza, o libertà crudele!
                                         Aimè!
                                                       Tu piangi?
Forse di tua onestà baci lascivi
contaminaro il fregio? E a tanto ardire
avrà spinti quegli empi il tuo bel volto?
Troppo, Ormonte, mi chiedi; io troppo ascolto.
Di lascivia o di sdegno io ben cadea
m'era il ferro omicida o 'l labbro impuro.
Devo l'un, devo l'altra al solo Olindo,
mi pose in libertà co' ceppi suoi;
mi pose in sicurtà co' suoi perigli.
a satollar la crudeltà irritata
                            T'ha vinto Olindo
ne le gare di onor. Nulla ti resta
Mira che tenta un generoso amore.
Addio, chi sa? Vengo a salvarti, o troppo
fortunato rival, per cui cotanto
la bella Elpidia ha sospirato e pianto.
Ingrata libertà, quanto mi costi.
Per te Olindo, per te soffre gli strazi
che doveano esser mie, loda e ringrazia.
quest'anima ancor viva? Ah che pur troppo
trofeo d'amore e di vendetta io 'l veggio
nel proprio sangue immerso. O fier oggetto
chiusi a la luce! Udir que' fiochi accenti
finir col nome mio! Vedere Olindo,
ahi spettacolo! Ahi duol! Trafitto e morto!
Sento che peno e che languisco amando;
Ei m'usurpa il tuo cuor? Per lui mi sprezzi?
T'intesi. Invan tu taci; invan mel nieghi.
Non sa mentir Rosmilda. Io l'amo e tale
non è 'l mio amor che vergognar men deggia.
ch'ami in Ormonte un tuo nemico? In lui
ami l'autor de' nostri mali? Il fabro
de' nostri ceppi? E in Alarico, o dio!
che la sua nemistà. L'amo, il confesso,
benché mio vincitor, benché nemico;
ma quanto adoro Ormonte, odio Alarico.
che rendi a l'amor mio, per cui tu vivi?
Così premio il tuo ardir. Tentar d'affetto
Tu sei sempre mio servo, io tua regina;
né mio eguale ti fanno i mali miei.
la pietà, per cui vivi? Ingrata, ancora
un irritato amor. Farò che cada
quest'indegno rival. Forse il tuo esempio
m'insegnerà, spietata, ad esser empio.
stanze guidate il prigionier Vitige.
Ad ogni sguardo, al maggior duce istesso
inosservato ei stia; tutta la gloria
d'una spoglia sì grande a me si serbi,
di Belisario a le superbe piante,
altri che Ormonte, un prigionier regnante.
toglimi libertà; dammi la morte.
far fronte a' tuoi rigori, a' miei cordogli;
e se mi lasci il cuor, nulla mi togli.
più ti credea, liberator ti trovo.
a un suo privato amor; fa ciò che deve
e l'opra stessa è 'l guiderdon de l'opra.
Vivo per te. Troppo infelice io sono,
in pro del donator l'uso del dono.
temo col mio parlar rendermi ingiusto.
Anzi col tuo tacer mi lasci ingrato.
                Vorrei... Ma assai maggiore è 'l dono
e d'un mio benefizio e de' tuoi voti.
M'offende il tuo timor. Parla. Che chiedi?
Se hai ragione su Elpidia, a me la cedi.
come cosa ch'è tua, toglier mi puoi.
                               Questa vita.
                                                       Elpidia?
                                                                         O dio!
O amore! O gratitudine! O tormento!
tanti litigi il brando; io più non sono
il tuo liberator ma 'l tuo rivale.
e a chi vita mi diè piaghe non rendo.
(Ah vile Olindo, ancor resisti! E puoi
esser del tuo rival men generoso?)
Elpidia... aimè! Tregua o sospiri Elpidia...
                                          A me la morte.
Vanne, rival felice. Io qui mi resto
in preda a' miei dolori. A un disperato
l'ingrata compagnia d'un fortunato.
M'ingannate, o pupille? Olindo è quello?
De' miei timori il primo oggetto! È desso?
Sì ch'egli è desso. O caro Olindo, è forza
ch'io così proferisca il tuo bel nome.
non è gli affetti a simular bastante.
Grata ti sono; e, dirò meglio, amante.
Elpidia... ahi vista! Ahi pena! A che non moro?
Olindo, e qual dolor? Di che t'affligi?
Tu pur vivi? Io pur vivo ? II mio contento
O amore! Gratitudine! O tormento!
Il vedermi ti turba? Alor t'attristi
che ti vengo a giurar che più t'adoro?
figlie de l'amor tuo, che in altro tempo
m'avrian fatto morir per troppa gioia,
quasi or mi fan morir per troppo affanno.
Perché, o caro, perché? Mirami. Parla.
Più tuo non son; né tu più mia.
                                                          Spietato.
Dimmi, perché? Chi mi ti toglie?
                                                              Il fato.
non mi far più morir. Dimmi, per quelli
dolci nodi d'amor, per questo volto,
che ti piacque una volta, e più per queste
lacrime che tu versi e ch'io pur verso,
Ascolta la mia morte in un sospiro.
Al rival per cui vivo io t'ho ceduta.
Come, Olindo? Ed è ver? Cedermi!
                                                                 O dio!
Ah non m'affliger più, che troppo io peno.
Ancor m'ami, ancor peni e pur mi cedi;
ed amar anch'io devo il tuo rifiuto.
che troppo ha di virtù per esser vinto,
tormenta sì ma non distrugge amore.
                     Ah figlia!
                                         Ah genitor!
                                                                Deh prendi
invece d'un amplesso un mio sospiro.
                                La cara prole?
                             Tu serva?
                                                 O duolo!
                                                                   O pena!
devo a la tua pietà sì fier tormento).
Se al comune dolor qualche conforto
de l'esser servi a Belisario il grande.
padre più che nemico. Ei non m'oppresse
«E credi che se un giorno» egli mi disse
«avrò in mia mano il genitor Vitige,
forse non si dorrà che da le chiome
gli abbia tolto il diadema; e di nemico
non vedrà in Belisario altro che 'l nome».
Tanto fe'? Tanto disse? E non hai finto?
Genoroso nemico, or sì m'hai vinto.
                                      Si attenda Ormonte,
che prigionier mi fece, e a lui mi guidi.
trionfaro il tuo braccio e le tue ciglia
del genitore insieme e de la figlia.
meditava vendette. Arride il cielo
a' miei giusti disegni. Io nol rifiuto.
Belisario nol sa. Destati, o mente
dal tuo cupo letargo e ardisci un colpo
Poi Rosmilda sia tua. Vanne ed affretta
un riposo a l'amore e a la vendetta.
                                     Io stesso il vidi.
lo tiene Ormonte ad ogni sguardo?
                                                                Ei spinto
sol co' tuoi precipizi, alzar lo tenta.
(Tanta viltà in Ormonte? Ei da sé stesso
                                           Teco favello.
                                               A lui celiamsi
seguimi. O quai perigli han le grandezze!
(Buon principio han le frodi. Ingegno a l'arte).
                                                   E che? Saranno
premio de le mie glorie i tuoi disprezzi?
Le glorie apprezzo e 'l vincitor non amo.
                                      La lite ancora
al tribunal d'onor pende indecisa.
                                                        Olindo
cedermi non potea, se sua non era.
conosco il tuo gran merto e vil sarei,
Ma tutta la pietà che posso usarti,
credimi, sarà 'l dir: «Non posso amarti».
Vanne, ingrata beltà. Sento che l'alma
si duol d'averti amata e scossi i ceppi,
chiede la libertà per sua vendetta.
                                                 Io prigioniero?
                                       E tu ministro
De' tuoi cenni, o gran duce, eccoti Ormonte
vittima volontaria. Ei non dovea,
ceder ad altra man sì illustre spada;
a te accrebbe le palme, a me le glorie.
la depongo, o mio duce, e 'l suo chiarore
de l'innocenza mia ti faccia fede.
Vedi audacia di reo! (A Belisario)
                                        (Cuor sì sublime
Vitige preso e ben guardato Ormonte, (Ad Alarico)
                                      In me confida.
ben custodito a le sue stanze il guida.
Congiurate a' miei danni, amor e sorte;
sarò qual fui. Su' vostri lumi istessi
Né accrescerò colla viltà del pianto
a' miei mali il trionfo, a voi l'orgoglio.
qual interno spavento il cuor mi fiede?)
Caro... liberator... Ma qual ti veggio?
Quando merito palme, incontro ceppi,
e fa de' lauri miei le mie ritorte.
io ne senta pietà, mira i miei lumi,
vita ch'è cara a me perch'è tuo dono,
troppo il mio fato insuperbir tu fai.
Vuoi ch'io non pianga e a la prigion ten vai?
Va prigioniero Ormonte e ch'io non pianga?
a la salvezza sua. Sol tocca a voi
né forza a voi, se amor vi regge. Ormonte,
per la tua libertà piace ogni rischio;
de la tua libertà tormi la gloria,
l'onor non mi torrà de la mia morte.
                                     (Dovrò arrestarmi?)
                                                 (In troppo rischio...)
                                         (Sento il mio cuore).
                 (M'involo).
                                        (Ah mi trattiene amore).
sol perch'io mora, i tuoi begli occhi ascondi?
Se morto mi volete, o luci amate,
non v'ascondete, no; solo un momento
                                       Poco m'importa.
(Ah che se parte Olindo, Elpidia è morta).
                           Chi sei?
                                             Sì sfigurato
che più non mi ravvisi? Almen dovresti
conoscer al pallore, al pianto, al duolo,
che un sì misero oggetto Olindo è solo.
Tu Olindo? Olindo sei? Non ti ravviso.
(Ah purtroppo conosco il suo bel viso).
Così, così rispondi, Elpidia ingrata,
a chi ti serba amor, ti mantien fede?
Così Elpidia risponde a chi la cede.
odia ancor la mia gloria. Io non avea
in petto un'alma vil, né un cuore ingrato.
Per esser generoso, io fui spietato.
Se mi cedesti, a che d'amor mi tenti?
Qualche pietà sol chiedo a' miei tormenti.
che più simuli teco e 'l cuor t'asconda.
Tu d'esser mio godesti, io d'esser tua.
Ma che pro? Tu mi cedi e i dolci nodi
di sì soave amor tronca un rifiuto,
                                           Il tuo possesso
ho ceduto al rival, non il mio affetto.
Se nulla speri, a che d'amor mi tenti?
Qualche pietà sol chiedo a' miei tormenti.
Ah non m'affliger più, che troppo io peno.
né de l'idolo mio né di me stesso;
e ad accrescer tormenti al dolor mio,
Ben cruda è quella sorte, invitto Ormonte,
empia quella beltà che ti tormenta.
Tu mi vieni a inasprir, bella Rosmilda,
con la pietà del tuo sembiante i mali.
Se mai fosse Rosmilda il tuo destino
di che incolpar tu non avresti mai
rigor di volto o crudeltà di fatto.
Rosmilda, hai troppo a cuore un infelice.
Il più bel de' miei voti e 'l più spietato
è la tua libertade. Ecco due ferri,
principe valoroso. Essi al tuo piede
assicurin la strada. Io verò teco.
grande il coraggio tuo, molti tuoi fidi.
stien pur meco i miei ceppi o pur la stessa
destra, che me gl'impose, ancor gli sciolga.
O di troppa virtù crudel consiglio!
ove fin l'innocenza è un gran periglio.
daria prova a le accuse. A un cuore armato
di sua innocenza è assai peggior destino
di miglior sorte; or che non vuoi dal mio
braccio la libertà, l'avrai dal labbro.
A Belisario andrò. Forse a' miei prieghi
la donerà pietoso; o pure io stessa
parte de' ceppi tuoi; né sarann'essi
i primi che per te sostengo, o caro.
                     Sì, che t'adoro e l'amor mio
devo a' tuoi doni, a' tuoi begli occhi il devo.
Ahi Elpidia! Ahi dolor! Deh perché amarti...
No, prence amato, amor non cerco e a prezzo
del tuo cordoglio un sì gran ben non chiedo.
                                Odi Rosmilda. Ancora
non ben mi sento in libertà d'amarti.
Un'ingrata beltà mi tiene a forza
Se più l'ami non so. So ben che devo
amar te, sprezzar lei. Stimolo forte
sarà la sua fierezza e 'l tuo dolore.
O dolcissimi accenti! O speme! O voti!
quando ancora è 'n periglio il caro Ormonte?
se imperfetto è 'l piacer, fiacco è 'l dolore.
Udisti, Olindo? Io di tal fallo Ormonte
                                                    Gran duce,
chi men si crede è traditor. D'ignote
trame ti posso io discuoprir gl'inganni.
So quanto m'ami e la tua fé m'è nota.
Legger desio, svelando i tradimenti,
i suoi rossori al traditore in fronte.
Venga Alarico e seco venga Ormonte.
                                  Mente chi 'l dice.
Il traditore è qui. L'attesto anch'io.
                                (Che ascolto?)
                                                            (A tempo io giunsi).
                                      A l'opre mie
                                               Olindo solo (A Belisario)
                                              Costui (A Belisario)
è accusator rival. Premongli troppo
Scuoprir si denno i tradimenti alfine.
Ah Olindo ingrato e vile, è questo il premio
che rendi a l'opre mie? Tu mio rivale?
                                (Nol credo ancora).
                                                                     (O duolo!)
Sia testimonio il ciel, giudice il mondo,
Ormonte è tal, qual qui lo attesta Olindo.
Lo attesta il labbro e sosterrallo il braccio,
quando fia chi 'l contenda, in faccia a tutto
il greco campo ed a l'ausonia gente.
                           Belisario, egli è innocente.
                                     Fe' prigionier Vitige
per liberar me suo rival da' ceppi.
Quivi ascoso il tenea, perché la gloria
                                        (O nobil alma!)
                                     (O caro amante!)
Più vorrei dir ma forse offendo...
                                                             Basta.
Gli leggo omai la sua innocenza in fronte.
Resti preso Alarico e sciolto Ormonte.
                   Sono innocente.
                                                  Anzi spergiuro.
Chi è infedele al suo re fede non merta.
                                            (O me infelice!) (Parte con guardie)
                                           Rosmilda, intendo.
Principi, or non è tempo. Il suon giulivo
là c'invita a goder, dove la gioia
e a la sua libertà festosa applaude.
Ivi a l'ombra real de' sacri allori
avran fine i litigi e pace i cuori.
                             Deh Rosmilda!
                                                           Ahi Olindo!
                                                                                   Ahi Elpidia!
Perché amar tu non puoi chi più t'adora?
Perché amar non poss'io chi tanto m'ama?
                                            Tu 'l mio tormento.
                                           Tu l'alma mia.
                                                E tu in sospiri.
                                     E tu d'affanno.
Miracolo è d'amor com'io sia viva.
Portento è del dolor com'io non mora.
È fierezza del mal se non m'uccide.
Per più volte morir, morir non posso.
Chi provò de la mia pena più cruda?
Chi provò de la mia più fiera sorte?
Quando ed a chi fu più crudel la vita?
Quando ed a chi fu più crudel la morte?
                                      Chi me lo addita?
                         O destino!
                                               O morte!
                                                                  O vita!
Sia destino o virtù, Vitige, ho vinto.
non la parte miglior ma la più forte .
Ma benché vinto, ancor son re. Fra ceppi
serbo il mio grado e son Vitige ancora.
sembra un periglio a' tuoi novelli acquisti,
prendila ma risparmi il sangue mio
quello de' mei vassalli. Egli ti basti;
Vitige e senza vita e senza regno.
Mal conosci, o Vitige, il tuo nemico.
per odio ma per gloria; e mai non ebbi
sete del sangue tuo. Servo e trionfo
per la grandezza altrui, non per la mia.
Che se fosse in mia man renderti il soglio
e la tua libertà, sperar potresti
lo splendor del diadema a le tue chiome;
forse di tuo nemico altro che il nome.
Or sì m'hai vinto, o Belisario. Or sia
Vitige il non minor de' tuoi trionfi.
che non cede al suo fato. In forte laccio
d'amicizia e di pace ecco t'abbraccio.
Principi, a voi chiedo perdon di tante
                                           E quel bel volto.
Lascia, mio genitor, lascia che in tante
                                             Ti stringo, o figlia.
tu, Belisario (ah pur convien soffrirlo!)
la bella Elpidia al fortunato Ormonte.
                                   O generoso Olindo,
abbastanza m'hai vinto. Un cuor mi sento
che tuo rivale esser potea con gloria.
Chi l'ebbe in dono, in dono ancor la cede.
Non trovo al merto tuo maggior mercede.
ch'io possa tolerar che la tua gloria
sia prezzo a' miei rossori. Io l'ho ceduta.
farne a te un dono; e se non è, ben puoi
ciò che ancor non è mio far di te stesso.
sforzarti a rifiutar ciò che chiedesti.
                          O gran virtù d'amore!
                                         (E di dolore).
Solo per tua virtude Elpidia è salva.
                                 Ed io l'onore.
                                       (Alma, dà freno alquanto
                               (Occupa gli ochi il pianto).
Belle, voi sospirate e voi piangete?
io ben intendo. Ambe d'amore ardete.
In me i vostri litigi, i vostri affetti
                         Il tuo desire.
                                                   È 'l mio.
Pendon da' cenni tuoi la figlia e 'l padre.
                               E sia d'Elpidia Olindo.
                                           Pago è 'l mio cuore.
                          Ch'io sia tuo.
                                                    Pur volle amore.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8