Metrica: interrogazione
62 tronchi in Venceslao Napoli, Muzio, 1714  (recitativo) 
                          Che chiedi?
                                                  Osserva là.
e quell'altra è la serva in verità).
parti, o Lucindo, e non cercar di più.
Del mio fato il tenor svelami tu.
Parti, o Lucinda, e non cercar di più.
mi devi dir se mi ravvisi tu.
Parti tu ancora e non cercar di più.
                             Perché?
Perché Ernando è vassallo ed io son re.
più grave offesa è a l'onor mio.
                                                         Perché?
Erenice è vassalla e tu sei re.
(Ci ha indovinato). A me paura? A me?
                      Or io con te,
Rispondi a me su quel ch'io ti dirò.
Gerilda, oh dio!, non più.
se non è un forte amor, ti stringe a ciò?
Giuro che non è amor. Che sia? Non so?
                                      A te
se non importa, molto importa a me.
                                     No.
e sarà d'altro sposa in questo dì.
si stringe il nodo ma con chi non so.
                    Vedi, signor...
                                                Non più,
sempre nel suo dover salda è la fé.
             Denar non ho.
Vieni pur meco ch'io ti pagherò.
e se vedrò ch'abbia di me pietà,
Larà lallara, larallalà... (Si pone a ballare, accompagnandosi con la voce)
ch'io sento del tuo mal somma pietà.
Larallarà, larallalà. (Balla)
e dammi Gildo mio per carità.
Hai di bisogno, poveraccia te,
di mastro Giorgio molto più che me.
perché al veder sei matta più di me.
l'ire a cader e su te cadran, su te,
ciò che può la giustizia in cor di re.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8