Metrica: interrogazione
72 tronchi in Ormisda L., Vienna, van Ghelen, 1721  (pezzi chiusi) 
né vien reo chi è vincitor. (Ad Ormisda)
al voler del genitor. (Parte, servita a braccio da Cosroe e da Arsace, e vien seguita da’ suoi armeni)
e quelle del mio amor difenderò.
col senno e col valor confonderò.
puro ossequio ed umil fé. (Gittano sul fuoco rami di alloro e fasci di palme)
che l'omaggio è grato a te. (Facendo lo stesso)
vita un sasso a te pur diè. (Segue il ballo de’ ministri di Mitra, i quali poi partono, seguiti da Erismeno e da Mitrane)
non mi lasciasti mai partir da te.
   Segui a regnar così sul proprio cor;
regger a senno tuo l'altrui dover.
con la virtude ognor fosse il poter,
ed il servir piacer. (Parte seguito dagli armeni di Artenice)
e con crudel pietà salva il miglior.
in retaggio ed in mercé. (Entra nella città)

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8