Metrica: interrogazione
17 incipit per la struttura bistrofica isometrica isonumerica in Venceslao Pesaro, Gavelli, 1724 
   Vinto abbiam; quel teschio altero
   Che onore da te speri, (A Venceslao)
   Qual fra venti navicella
   Verrò già lieto e fido
   Cerca armarsi di coraggio
   Rasserena il turbato tuo core
   Da te parto e parto afflitto,
   In me sento dello sdegno
   Piega umil de' venti all'onte
   Vado costante a morte,
   La tempesta non giugne molesta
   Quando rimbomba il tuono,
  Taci; non dir d'amarmi,
   Vivi e regna fortunato,

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8