Metrica: interrogazione
31 incipit dei  pezzi solistici d'uscita in Venceslao Firenze, Vangelisti, 1704 
   Troppo è l'impeto d'amore
   Se vuoi dar leggi al mondo,
   Ti consiglio a far ritorno,
   Perché so che mie già siete,
   Bocca bella, del mio duolo
   Meco non giova il fingere,
   Beltà che più non piace
   Minor pena d'un'alma fedele
   Armi ha il ciel per gastigar
   Vo gustando più veri piaceri,
   Parto amante e parto amico
   Armerò di sdegno il core,
   D'ire armato il braccio forte
   Quanto all'alme è mai funesto
   Nel seren di quel sembiante
   Più fedele e più amoroso
   Da te parto e parto afflitto,
   Ombre squallide, furie d'amor,
   Spunta su quei begli occhi
   L'arte, sì, del bel regnar

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 63