Metrica: interrogazione
27 incipit dei  pezzi solistici d'uscita in Venceslao Monaco, Straub, 1725 
   Se ti offendo, tacerò;
   Se vuoi dar leggi al mondo,
   Ti consiglio a far ritorno,
   Col piacer che siate miei,
   Beltà che più non piace
   Minor pena di un'alma fedele
   Armi ha 'l ciel per gastigar
   Parto amante e parto amico
   Non credo a quel core
   D'ire armato il braccio forte
   Nel seren di quel sembiante
   Del caro sposo nel biondo crine
   Grida il sangue e la ferita
   Da te parto e parto afflitto,
   Sì, sì godi che 'l dolce tuo sposo
   Parto; non ho costanza
   Piega umil de' venti all'onte
   Vado costante a morte.
   L'arte, sì, del ben regnar
   Può languir l'ira nel petto,
   Taccian l'ire di nembi funesti,
  Non mi dir d'amarmi più,

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 63