Metrica: interrogazione
29 incipit dei  pezzi solistici d'uscita in Venceslao Roma, Bernabò, 1716 
   Se devo in seno ascondere
   Parto, dirò che speri,
   Pria che padre assiso in soglio
   Col piacer che siete miei,
   Bella del mio gran duolo
   Perché mio cor, perché
   Come il ciel cangia vicende
   Bruttaccio impertinente
   Per saper s'io sono amante
   Sì candida e sì bella
   D'ire armato il braccio forte
   Son regina e son tradita,
   Spesso vola un basso affetto
   Col piacer di vendicarmi
   Da te parto e parto afflitto,
   Corro lieta al caro bene
   Ombre squallide, furie d'amor,
   Nocchier che salva il legno
   Basta ch'io sia tuo figlio
   L'arte sì di ben regnar
   Per me fra l'erbe e i fiori
   Vivi e regna fortunato,

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 63