Metrica: interrogazione
559 settenari (recitativo) in Venceslao Milano, Malatesta, 1705 
del poter nostro. Hai vinto.
Vieni, onde al sen ti stringa,
o forte del mio regno (Lo abbraccia)
                                O sempre
generoso Alessandro. (Si abbracciano)
                Temo nel prezzo
tutto il premio, ch'io cerco,
                    Ernando amante?
                 (Ah! Più nol soffro).
                            Ammutisci,
che non fia chi 'l sorpassi
E ch'ei tema, gli aggiugni,
che un mio servo, un Ernando
stranieri in quella corte...
                     È morta forse?
             Che far poss'io?
Misera principessa! (Si ritirano in disparte)
                              Lucindo.
                    Sì; l'erede
fa ch'io 'l sappia, onde fine
                           E grande.
                  Or la dimora
Ma quale è il tuo consiglio?
                              O dio!
                   (Fra sé che pensa?)
                             Perché?
                L'amor di Ernando
grave offesa è al tuo grado.
Questo è 'l tuo sol comando,
                                       Amore.
                    Spergiuri affetti,
Se ti offendon gli applausi,
più de l'Istro e del Tebro,
                      (E impallidisce).
                  Prendi e rimira. (Gli dà la lettera)
«Per quanto ha di più sacro, (Legge)
signor. Mentito è 'l grado,
                   Casimiro,
                                Assento
                    Già nel mio core
Parli il labbro e 'l confessi;
Per più macchiar?... Ma dove,
Voglio esser reo, né posso.
Fuor del mio sposo, ogni altra
                       Che arrechi?
già sposa ad altri amplessi.
                                   È tempo...
O tu, che ancor non veggio (Casimiro sta confuso)
Fede non le giurasti? (Casimiro non la guarda)
Dunque a l'armi, spergiuro. (Dà di mano spada)
Sei vinto; ed è 'l tuo torto
Che sento? Ella è Lucinda? (Il re si leva dal suo posto e si affretta a scender nello steccato)
                               Gismondo,
E pur cresce nel seno (Si asside al tavolino)
Che acciaro è quel? Che sangue
                  Parla.
                               Poc'anzi...
                                         O dei! (Si leva)
                                   Ed io,
                            O ferro!
Signor, che il tuo potere (A’ piedi di Venceslao)
sparso era il ciel, quand'egli
Come? Morto Alessandro? (Piange)
                                 O cieco
Quell'orror, quel pallore, (Additando Casimiro che sta confuso)
quel ferro ancor fumante (Casimiro si lascia cader lo stile di mano)
Parla: le tue discolpe (A Casimiro)
                    Sì, la spada. (Sul tavolino depone la spada)
O dal figlio e dal padre, (Piange)
De la real promessa (Tra sé)
            Dal duro ufficio
                                Andiamo
anch'io voglio, anch'io giuro. (Si accosta all’urna e snuda la spada)
                                Deh, come
                             E vita
                                 Regina,
                    In Casimiro
                           Padre.
Va' pur; ti è cara, il veggio,
                               Sì tosto
                                Parmi
                            E senza
                       E prendi in questo
                    Ahi pena!
                                         Ahi sorte!
                   Sì, ma vanne
                           Opportuno
Erenice, Lucinda, (Da sé passeggiando)
                                Al soglio,
piego umil le ginocchia. (Casimiro ascende due o tre gradini del trono e s’inginocchia dinanzi al padre)
                               Conviene
Gioie, non mi opprimete. (Preso per mano Casimiro discende con esso lui dal trono)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8