Metrica: interrogazione
537 settenari (recitativo) in Caio Fabbricio Vienna, van Ghelen, 1729 
                Dei saturnali
Ubbidirem. (Tiranno). (Pirro porge a Turio la tavoletta, il quale da lui la prende piegando a terra un ginocchio e poi si ritira)
                              Comune
                                   Nozze
                       Ella a te viene;
                   O dio!
                                 Volusio,
                                E intanto
In quel metallo è Pirro. (Mostrando a Bircenna la statua di Pirro)
Guerriera idea. (Guardandola attentamente)
                                Con Turio
                            Sì, Turio;
Volgiti e colà mira (Additandole Sestia)
                    E le accortezze
Partite; e qui sediamci. (Le guardie si ritirano)
                                        Attendi.
Che? Tu di Sestia amante? (Si levano)
                             Più ch'altri.
                    E se mai Pirro
                          Qual dunque
e più al volto guerriero. (Si ritira in disparte)
mi degnò d'uno sguardo). (Si ritira)
                     Che insolenza! (A Bircenna con ira)
A l'amor mio di Roma (A Fabbricio)
                       O dei! Nel grande,
                            Non s'ama,
                  Chi mai pensato
                   (L'idol mio).
                           Qui veggo
a che ascoso e furtivo?... (Vede Volusio)
(Non m'inganno. Egli è desso). (Da sé)
                 Ahimè! Son perduta.
                      Nulla ei tenti.
O perigli! O tormenti! (Pirro, dando un’occhiata a Volusio che in atto riverente ritirasi alquanti passi, si avanza verso di Sestia)
il risponder a Pirro. (Pirro volgesi con ira verso Volusio, il quale mostra di rispettarne il comando e torna a ritirarsi alquanti passi in lontano. Escono intanto d’un viale Turio e Bircenna, seguiti da un soldato armato d’arco e di dardo)
Che fia? (Riguardando verso l’opposto viale)
                   Più del dovere
                    Quali insidie!
(Avversi numi!) Pirro, (Si avanza verso Pirro)
Bircenna io scorgo e in questo?...
                    Me non preme
                              Se in vani
                      Di Glaucilla?
                    Ella col caro
                Anch'egli a gran passi
                              Ha 'l mio nome
(Questo ancora in mia pena?) (Da sé)
                               Son teco.
                         Va'. Ubbidisci.
                      Al genitore
                 O dei! Volusio...
                Volusio, avverti
                Ahimè! Nei trasporti
                       Si consoli
                          Sapranno
Leggi e vedrai che a torto (La dà a Pirro)
l'empie trame a svelarti. (Vien Turio col suo seguito)
                Ah! Siam traditi. (Da sé)
A me, Sestia e Volusio. (Alle guardie)
Teco morir vo' anch'io. (A Volusio)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8