Metrica: interrogazione
564 settenari (recitativo) in Lucio Papirio dittatore Vienna, van Ghelen, 1719 
               Signor.
                               Col core
                             Quinto
                       Che ti affligge?
                 Sposa.
                                Mio bene.
                 Sposa.
                                Mio bene.
                   E qual mia colpa
                 Il tuo trionfo.
                                   Ogni altro
Qui la sella curule. (Uno de’ littori porta la sella curule e l’apparecchia nel mezzo)
                                Nel campo
                             Se amore,
               Resistenza irrita.
O dei! Fabio, mia vita. (Si ritira col fazzoletto agli occhi, incontrandosi con Fabio)
                               Non farti
                              Che festi?
Seguitemi. Vedremo (Si leva dalla sedia curule che tosto vien ripigliata da un littore)
                                  Ti offesi
                Al popol romano
                                   O troppo (A Servilio)
Me la nega la figlia? (Vedendo Marco Fabio gli va incontro)
                                 Un troppo
                   A lui non parve
da le tue braccia... (In atto di volerlo abbracciare ma è respinto dal padre)
                                    Indietro.
Deh! Ferma. (Prendendola per una mano)
                           Di Papiria
                          Nol teme
                                   Lucio
                                     È vero.
sottometto a tua legge. (Depone sul tavolino l’elmo e la spada)
Olà. (Al cenno di Lucio Papirio si alzano le due grand’ali del padiglione e vedesi il Campo Marzio tutto ingombrato di popolo e di soldati)
            Quel che scorgete,
                         Non è vero.
                                      E meglio
                     Fine a le risse;
Se pietade, o Romani, (Levandosi dal suo seggio)
Dissi e 'l ridico ancora: (Avanzandosi alquanti passi verso i gradini)
Eccoti il plebiscito. (Porge a Lucio Papirio il decreto del popolo romano)
                Tutto è rimesso
e le ginocchia abbraccio (S’inginocchia)
                 Sposa.
                                Mio bene.
                  Affretto morte,
saprà ancor sostenerla. (Scendono dall’alto delle logge i littori)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8