Metrica: interrogazione
466 settenari (recitativo) in Il Teuzzone Milano, Malatesta, 1706 
Tu serba il tuo; ma 'l serba
             Signor.
                             Tu primo
Lasciare il trono? Ah! Prima
Vo' ch'egli abbia 'l diadema
                                   Conviene
                                    È forza
                           Appunto.
Sposo, Teuzzon, mia vita, (Risvegliandosi)
                    Orride larve,
tremo ancora al gran rischio;
Miei fedeli, si taccia (A’ Tartari del suo seguito)
Questo, o principi, o duci, (Si leva in piedi ed ha in mano il testamento reale)
Già l'apro e 'l leggo; udite. (Legge)
                   A chiare note
                           Viva. (Al suono di trombe Zidiana ascende sul trono)
Principe, e che più badi? (A Teuzzone)
                    Anzi si uccida.
                     Sì, che puote
E a te, perfido, basti (A Sivenio)
                              Tal sono
               Guardati e temi
                 Sivenio, il cielo
Ubbidirò qual deggio. (Parte)
che più scosso è più greve.
ciò che in retaggio ei chiede.
              Taci e sospiri?
Va'; digli... Ah! che assai dissi.
                       Eh! Che non sempre
ch'anch'io pugni al tuo fianco.
                               Ma intanto
Non più amor, non più trono.
                   Ed a l'ingrato
                         Amica,
                            Il suo core
Qui tosto il reo si guidi. (Alle guardie)
                                Egaro,
                               Eh! Scrivi,
                  (O me infelice!)
Dov'è 'l tuo amore? (Piano a Zidiana)
Ecco il fatal decreto. (Le presenta la sentenza)
Colà 'l deponi. (La fa deporre sul tavolino)
                             E a' piedi
               Sì. (Va al tavolino e, presa la sentenza, la legge sotto voce)
                       (Il mio nemico
                     Attendi forse
                              Ei sia
                                 Zidiana,
Mi vuoi giudice o sposa? (Osservando Zelinda)
Amabili sembianze (Astratto verso Zelinda, senza badare a ciò che gli dice Zidiana)
                                    Al cielo
                          Custodi,
                                        In breve
               Sì, tua speranza
                            Ti turbi?
                                   Tanto
                 A te, nol niego,
Né fu 'l labbro mendace. (A Sivenio)
                     Non intendo.
                              La legge.
                                 (Qual legge?)
                     Sì, ben veggio
                                     Qual frutto
                  Tu del tuo fato
E tu, che hai de' miei casi (A Zelinda)
eseguiscasi il cenno. (Ad Egaro)

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8