Metrica: interrogazione
506 settenari (recitativo) in Pirro L., Venezia, Rossetti, 1704 
Venga; udrem ciò che arrechi.
suo acquisto e mia sciagura.
sire, è il destin che quanto
la ragion de le genti,            ,
seguo? A qual manco? O numi!
Ciò che in altri esser colpa
                                  Al poco
                            Mio caro,
              Eccelso regnante,
                 Figlio, Arideo,
                                 Ismene,
Tu 'l nodo e 'l grado accetta;
Cassandro, infinché al fianco
quel trono in cui ti assidi.
posso al tuo esempio anch'io...
Non più; risolvi e accetta...
               L'onor del grado.
Ho scielto, iniquo, ho scielto .
S'ei non vi assente, in breve
bacio... Ah! Gl'impeti, Ellenia,
                        Rammenta
                           Del volgo
                             Che temi,
Giovan, Glaucia, a Cassandro
Sì, sì, negli occhi andiamo
di Ellenia... Eccola appunto.
                        Miei fidi,
Che! Fra' ceppi anche Glaucia?
                       E ch'era il prezzo
              Imperi Cassandro
da un tuo misfatto. Hai rotti
                            Ti han tolta
Siegui il giusto e l'accetto.
                                Sire...
                        Che?
                                    Di Glaucia...
                              Pronta.
                             Glaucia,
                                     Taci;
                                     Assolvi
Prence, adunque egli è vero,
                                      Ismene,
                                     Prendi (Consegna a Pirro una spada, tolta di mano ad una delle sue guardie)
                       Empio, in quel punto
                  Avete altri mostri
             Vergine illustre,
                                  A Pirro?
Che? Forse il nieghi? O in lui
                            Intesi.
(Miei lumi, egli è pur desso.
                                      Forse
tu le mie nozze... (Sopravviene un servo che presenta a Pirro una carta)
                                  E quale
la tua reggia o 'l mio campo.
Ritiratevi, o fidi. (Si ritirano le guardie di Demetrio)
Mori, perfido, mori. (Snudato il ferro si avventa seguito da’ suoi contro Demetrio)
                                Vil alma,
Ecco il ferro, ecco il campo.
Che udii! Che vidi! Ah! Pirro,
                          Che veggio?
il mio sdegno e 'l mio amore.
                    O fede!
                                    O gloria!

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8