Metrica: interrogazione
102 ottonari in I rivali generosi Venezia, Nicolini, 1697 
                            In mezo al sangue
               senta...
                               il Goto esangue...
   Vanne, pugna e vinci, o caro,
   Ma non guasti il crudo acciaro
   Io già miro in sì bel giorno
   Quando il ciel mi vuol estinto,
   Perdo il regno e perdo il trono;
   Quell'ardor che ho in petto accolto
   T'ho ceduto, o caro oggetto
   Ma la forza del mio affetto
   M'ama Olindo e pur mi cede;
   Con lo sguardo e con la spada
   La tua man fa' che non vada
   Vostri son quegli occhi arcieri,
                            Cruda vita.
                            Iniqua sorte.
                          Più pietosa.
                Pena.
                             Vita.
                                         E morte.
                         E pur t'allaccio.
                        E pur t'abbraccio.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8