Metrica: interrogazione
96 ottonari in Venceslao Parma, Rosati, 1724 
   Abbiam vinto; amico regno,
n'è tuo frutto e gloria e pace.
   Del fellon superbo e fiero
vedi il teschio, in suol straniero
insepolto il busto giace.
   Ti consiglio a far ritorno,
né cercar più di così.
   Col pensier che mia tu sei,
già contento il cor mi par.
   È sì dolce un tal momento
che di morte anche il tormento
   S'ai mendaci ardori tuoi
vai cercando fede e amore,
fuor che quello del mio core
puoi sperar ogn'altro amor.
   Sai che in me sperar tu puoi,
   Il suo amor piagne sprezzata,
ingannata, anche il suo onor.
   Parto amante e parto amico
   Se nol credi e te n'offendi,
la fortezza di quest'alma,
   D'ire armato il braccio forte
   Duolmi sol che 'l fier rivale
sotto a questo acciar reale
   D'aspri nodi amor chi cigne,
se gli scuote più li strigne
né più sciolto il cor sen va;
   e peggior la prigionia
   Cara parte di quest'alma, (Se gli accosta)
torna, torna ad abbracciarmi.
                             A l'armi, a l'armi. (Casimiro dà di mano alla spada e con impeto da sé risospigne Lucinda)
   Traditore, più ch'amore
brami piaghe e vuoi svenarmi?
   Nel seren di quel sembiante
   e saprà d'un incostante
   Dolci brame di vendetta!
Già la vittima cadé. (Casimiro in atto di deporre lo stile sul tavolino, vede il padre nello stesso momento in cui il padre alzando gli occhi vede il figliuolo)
   Grida il sangue e la ferita
del tuo figlio e del mio sposo,
tempo è ormai di vendicarmi.
   Deh assicura il suo riposo
e soltanto i' resti in vita,
   Da te parto e parto afflitto,
   ma poi tacqui il dolce nome,
che più aggrava il mio delitto
e più accresce il tuo dolor.
                    Abbraccia.
                                          Questo petto.
                           Mio diletto.
   Senti, senti questo core,
com'immenso è in lui l'amore,
sommo ancora è 'l tuo piacer.
   Taci pur tenero amore
So ben io che in braccio a morte,
sciolto il figlio da ritorte,
   E se teco non vivrò,
   Piega umil de' venti all'onte
gentil pianta la sua fronte
fra l'aurette ad ischerzar;
   Ballenar con giusta legge
del mio braccio e di mia spada
si vedran dal trono i lampi.
   Perché il figlio viva o cada
né l'amor né l'ira avampi.
   Viva e regni Casimiro.
   Vivi e regna fortunato,
   Te s'unisca a far beato
tempo e sorte, amor e fé.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8