Metrica: interrogazione
29 sineresi in Scipione nelle Spagne Venezia, Pasquali, 1744  (recitativo) 
(In sen di donna ha cor di eroe). Qual fia,
né in te sento l'eroe, sento l'amante.
piaccia lo sposo; e d'imeneo la face
non ti togliea. Nell'ostil campo ancora
potea far nuovi amanti il tuo bel viso;
che dee la strada al cor pudico aprirsi,
reo dell'altrui perfidia anch'ei si rende.
lo fa reo Sofonisba ed il tuo amore.
                                     (Virtù funesta!)
È ver. Perdona. Avea perduto Elvira.
                                            Soffrilo; e ascolta.
                                                        Piùttosto
doveasi armar contra il mio core istesso
Non è facil trofeo la morte mia. (Si battono)
quale egli siasi. Io farò sì che resti
                                        Almeno in essa
degno trofeo. N'abbia la gloria Elvira.
ma rea di tue sciagure. Odiala. È giusto.
forza non fia che il reo nimico invole;
l'aquile del Tarpeo. Suonan le trombe.
ch'esser dee tuo periglio e mia salvezza,
                         Tu ne hai la fé.
                                                      Tu il core.
l'Iberia applauda e l'imeneo si onori.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8