Metrica: interrogazione
24 dieresi in Venceslao Palermo, Cichè, 1708  (recitativo) 
                       Io stesso
Principi, duci, poli, si applauda
e sposa gode i desiati amplessi.
                      È tempo...
sin dal ciel lituan l’ire traesti.
a un padron furioso e innamorato
anche il labro. (Parla piano a Gildo)
                             Scordo già tutti
e guida è dell’altri Lucinda.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8