Metrica: interrogazione
22 dieresi in Gl'inganni felici L., Venezia, Nicolini, 1696  (recitativo) 
                                       Amor m'aiti.
                               O violenza, o frode
                                    Eccomi a l'opra.
la risposta gentil di Deidamia. (Agarista va alla spinetta)
che se tu non m'aiti, Alceste, io muoro».
Mi riapri la piaga ancor grondante.
Ma come uscir col prezioso acquisto
                                (E come il seppe?)
violator lascivo, alma da trace,
                           Il mio studio...
nel furioso ardor le aduste vene
ne' casi estremi antidoto ozioso.

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8