L’Engelberta (Zeno e Pariati), Milano, Ghisolfi, 1708

 SCENA XI
 
 METILDE ed ARRIGO
 
 METILDE
 (Onde sì tardo ad acquistarmi?)
 ARRIGO
                                                             (Intendo).
945Grave pensiero...
 METILDE
                                  (Quanto è importuno!)
 LODOVICO
                                                                              E dolce
 t’occupa l’alma. Ei parte
 ma tornerà di te, sua cara, in breve
 agli affetti promessi.
 Torni, torni l’audace;
950ma ravveduto e saggio
 di un amor temerario il volo arresti.
 Pensi al suo grado e onori il mio.
 METILDE
                                                              Dicesti?
 
    Lascia i vanti, soffri e taci,
 in amore così va;
955men ottien chi più pretende.
 
    Con gli amanti troppo audaci
 usa questo la beltà;
 non gli ascolta o non gl’intende.
 
 
 
 

Notice: Undefined index: abbreviazione in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/model/Locus.php on line 75