Flavio Anicio Olibrio (Zeno e Pariati), Venezia, Rossetti, 1707

 SCENA XIV
 
 OLDERICO e TEODELINDA
 
 OLDERICO
410Con un amor che teme,
 vengo a cercar ne’ tuoi begli occhi un raggio
 o una scintilla di quel primo ardore...
 TEODELINDA
 Olderico, l’affetto
 cangia col tempo.
 OLDERICO
                                   E in me più fermo il rese
415corso di età.
 TEODELINDA
                         La tua costanza ammiro.
 OLDERICO
 Ma non l’imiti.
 TEODELINDA
                               Il mio destin ne incolpa.
 OLDERICO
 Per meritar disprezzi
 che feci mai? Tu pur mi amasti.
 TEODELINDA
                                                             Amore
 non era il mio.
 OLDERICO
                              Fosti almen grata.
 TEODELINDA
                                                                 E ’l sono.
 OLDERICO
420Né sperar più mi lice?
 TEODELINDA
 Ama a tua voglia e spera.
 OLDERICO
 Ma poi...
 TEODELINDA
                    Voglio mercede
 esser di lungo amor, di lunga fede.
 
    Servi, se vuoi servir.
425Soffri, se puoi soffrir.
 Ama, sospira e pena;
 e poi risolverò.
 
    Se ti vedrò costante,
 quando non possa amante,
430pietosa almen sarò.
 
 
 
 

Notice: Undefined index: abbreviazione in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/model/Locus.php on line 75