Ifigenia in Aulide, Vienna, van Ghelen, 1718

 SCENA IV
 
 ELISENA
 
 ELISENA
 Ifigenia sposa di Achille? Ed io
 sarò in Aulide giunta
120per veder la rival?... No, pria quell’ara,
 che al funesto imeneo le faci appresta,
 bagnerò col mio sangue; e a piè del nume
 spirando l’alma forte,
 vedran le greche attonite pupille
125ch’io aveva un cor degno di amare Achille.
 
    A vista del crudele
 ma amabile idol mio,
 quest’anima fedele
 con gloria spirerò.
 
130   Forse in morir sì forte
 pietà, se non amore,
 in lui risveglierò;
 
 o con sì nobil sorte
 de la rival nel core
135invidia desterò.