Venceslao, Bologna, Pisarri, 1708 (Il fratricida innocente)

 SCENA XII
 
 CASIMIRO e GISMONDO
 
 CASIMIRO
 Amar puossi, Gismondo,
 beltà più ingiusta e più superba
 GISMONDO
                                                             Prence,
 de l’ingrata Erenice
315si serve amor per gastigarti. Ei gode
 che tua pena ora sia l’altrui rigore.
 CASIMIRO
 Di qual fallo son reo?
 GISMONDO
                                         Lo sa il tuo core.
 CASIMIRO
 Che mai?
 GISMONDO
                     Spergiuri affetti,
 giuramenti negletti,
320e promesse d’amor vane e fallaci,
 Lucinda amata e poi tradita...
 CASIMIRO
                                                        Eh taci.
 
    Beltà che più non piace
 lasciar d’amar si può.
 
    Se il ciel in più sembianti
325i doni suoi versò;
 io perché ingiusto a tanti
 un sol ne adorerò?