Venceslao, Milano, Malatesta, 1705

 SCENA XIV
 
 ERNANDO e li sudetti
 
 ERNANDO
 Anch’io sire...
 VENCESLAO
                            Opportuno
1355tu giugni, amico. In sì grand’uopo io cerco
 o ragione o conforto.
 ERNANDO
 Per chieder grazie al regio piè mi porto.
 VENCESLAO
 L’avrai, quando anche fosse
 la metà del mio trono.
 ERNANDO
1360Ti chiedo...
 VENCESLAO
                        E che?
 ERNANDO
                                       Del principe il perdono.
 VENCESLAO
 Come?
 ERNANDO
                 N’han la tua fede i voti miei.
 In ciò non re ma debitor mi sei.
 VENCESLAO
 Tutto a te deggio e regno e vita. Solo
 la mia giustizia, l’onor mio, la sacra
1365custodia de le leggi io non ti deggio.
 ERNANDO
 Principe, al tuo destin scampo non veggio.