Gianguir, Vienna, van Ghelen, 1724

 SCENA III
 
 ZAMA e ASAF, col seguito de’ rajas indiani, e i suddetti. GIANGUIR al loro arrivo levasi e va loro incontro
 
 GIANGUIR
 Duci, amico, consorte,
 or torno ad esser re...
 ZAMA
                                         Teco io respiro.
 ASAF
885Ma non è questo il tuo real soggiorno.
 MAHOBET
 È il mio, dove da insulto
 custodirlo saprei, più che non fece
 ne la reggia il tuo zelo.
 ZAMA
 Cieca discordia non accresca i mali.
890Già a le mura si appressa
 Cosrovio; ed Agra è in rischio.
 GIANGUIR
 Rischio che è sol tua colpa. (A Mahobet)
 MAHOBET
 E mio ne sia il riparo. Amai nel prence
 un tuo suddito e figlio. In lui rubello,
895odio un nemico. A’ danni suoi quel braccio
 armerò che il sostenne; e andrò tuo duce...
 GIANGUIR
 Lo scettro a me del militar comando. (Mahobet inchinandosi parte, seguito da’ due soldati. Gianguir ritorna a sedere)
 ASAF
 A quella man, che in te rivolse il ferro,
 sciolto il reo figlio, il fideresti ancora?
 ZAMA
900Altra più valorosa ove trovarne?
 ASAF
 Valor che giova, ove perfidia il regge?
 ZAMA
 Può nuova fede esser felice emenda.
 ASAF
 E nuova colpa, irreparabil danno. (Torna Mahobet seguito dai due soldati, l’uno de’ quali tiene in un bacin d’oro il baston militare e l’altro lo stendardo generalizio)
 MAHOBET
 Di cento e cento lauri adorne e chiare,
905ecco, o signore, le onorate insegne.
 GIANGUIR
 Mahobet, da quel giorno
 che de l’indiche schiere
 primo duce ti elessi, assai tu oprasti;
 e mia beneficenza assai ti rese.
910Ma poiché esser ti piacque,
 più che suddito al padre, amico al figlio,
 vanne, perfido, a lui. Saprà non lenta
 trovarti al fianco suo la mia giust’ira.
 Va’. Un nemico di più non mi spaventa.
 MAHOBET
915Dar leggi è tuo, mio l’ubbidir. Mi è lieve
 perder grado e favor senza mia colpa.
 Bastami la mia gloria. Ira né torto
 non m’indurrà vilmente ad opra indegna;
 e serberommi ne l’avversa sorte,
920qual già fui ne l’amica, eccelso e forte.
 
    Non mi duol de’ torti miei
 né fo voti agli alti dei
 che mi vendichin col pianto
 de la patria e del mio re.
 
925   Duolmi sol lasciarti a canto
 chi sol vanta audacia e orgoglio,
 in sostegno del tuo soglio
 e in trofeo de la sua fé.