Metrica: interrogazione
352 settenari (recitativo) in Venceslao Praga, Wickhatt, 1725 
Venceslao sempre invitto,
grand’esempio e gran pena,
                                O sempre
                Temo nel prezzo
Vil non fia ciò che puote
tutto il premio ch’io cerco
in sé racchiude un volto.
                    Ernando amante?
                 Ah! Più nol sofro.
                            Amutisci,
che non fia chi ’l sorpassi
E ch’ei tema, li aggiungi,
ch’un mio servo, un Ernando
vi fissate, o miei lumi? (A parte)
l’alto onor d’inchinarti.
                              Lucindo.
                    Sì, l’erede
scambievol fiamma; io seco
si diede il casto amplesso;
fa’ ch’io ’l sappia, onde fine
                           E grande.
                 Or la dimora
Ma quale è il tuo consiglio?
                              Oh dio!
l’amor, la fede, Ernando.
                             Perché?
non è offesa al tuo grado,
ti trasporta il tuo sdegno.
                L’amor d’Ernando
grave offesa è al tuo grado.
                                       Amore.
Questo è ’l tuo sol desio
più de l’Istro e del Tebro,
                 (L’empio si turba).
                                Arresta,
principe, i passi; a quanto
                                      O note!
                  Prendi e rimira.
«Per quanto ha di più sacro,
                   Casimiro,
tuo egual, che meco io trassi
per mia bocca or t’invita
                                Assento
E m’ami alfin, vuoi dirmi,
Egli è il prence, è l’erede
d’un tal rifiuto. Un foglio?
Leggiam che arreca. «Prence,
Oh ciel! Che leggo! Oh stelle!
E ciò fia ver; sì, troppo
Dimmi, di’, Casimiro, (Casimiro sta pensoso)
t’è di Lucinda e il nome?
Dunque all’armi, spergiuro.
Sei vinto ed è il tuo torto
d’essi a chieder, temendo
Che acciaro è quel? Che sangue
ne stilla ancor? Qual colpo
                  Parla.
                               Poc’anzi...
andai... Venni... L’amore...
Gran timido è un gran reo.
                                         Oh dei!
                                   Ed io,
Io morto? Ho vita, ho spirto
                            (Oh ferro!
Già sai ch’ambo i tuoi figli
per me avvampar; ma ’l foco
sparso era il ciel, quand’egli
sugli occhi... ahimè... traffitto...
                              (Oh! Cieco
Quell’orror, quel pallore, (Additando Casimiro che sta confuso)
                                     Attendi
ed or, bella, a’ tuoi piedi
                             Eh! Lascia
                             E vita
                                 Regina,
                    In Casimiro
Sì, vivi. Il dono è questo
                            E senza
                     E prendi in questo
                    Ahi pena!
                                         Ahi sorte!
                    Sì, ma vanne
vivrò più reo? Nol deggio.
v’è chi s’opponga, questo,
                               Al soglio
                               Conviene
lieto al mio sen t’annodo.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8

Notice: Trying to access array offset on value of type null in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8