Metrica: interrogazione
28 sineresi in Venceslao Praga, Wickhatt, 1725  (recitativo) 
Venceslao sempre invitto,
che un reo vassallo arma del re lo sdegno
in Lucinda sei reo, povero core.
non v’è cui nota, o Venceslao, non sia
purgai quanto d’impuro avea nell’alma.
or Casimiro ed or pareami Ernando.
io moria per dolor della tua morte.
così Ernando, così dee sol morire.
stringer doveasi l’imeneo segreto
                                      Quando tu ’l sappia,
                        Ma reo.
                                         Natura offendi,
non dee ad altro regnante esser soggetto.
                                             Oh dei! Che pensa?
dell’imeneo verrò pronubo a voi.
son misero, son reo; spergiuro ancora
                             Eh! Lascia
Più Venceslao, più genitor non sono.
                            E senza
Sarò più reo, perché tu sia più giusto.
non reo ma generoso. Un cor vi porta
vivrò più reo? Nol deggio.
non mai figlio rubbel, non reo vassallo.
destinate per me, sieno tue glorie.

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8