Scipione nelle Spagne, Venezia, Marciana, autografo

 SCENA XVII
 
 2 LUCEIO e 1 SOFONISBA
 
 SOFONISBA
 Ah Luceio! Ah mio ben! Come unir puoi
 due sì contrari oggetti,
 l’amistà di Scipione a te rivale,
 l’amor di Sofonisba a te diletta?
 LUCEIO
550Di sì rari prodigi
 la gloria e ’l merto a la virtù si aspetta.
 Non ti doler, mia cara,
 e misura il mio amor dal mio gran core.
 SOFONISBA
 Ma chi può amar Scipione
555perder anche mi può senza dolore.
 LUCEIO
 
    Sorte ria
 può voler che non sii mia,
 non ch’io lasci di adorarti.
 
    Dal ciel pende il tuo possesso;
560ma sol pende da me stesso
 la costanza de l’amarti.
 
 SOFONISBA
 
    Può ria sorte
 darmi pena e darmi morte,
 non mai far ch’io tua non sia.
 
565   Tu sei solo il dolce oggetto
 de la speme e de l’affetto
 e tu sol l’anima mia.
 
 Fine dell’atto primo
 
 Ballo di vivandieri del campo romano.