Venceslao, Verona, Merli, 1708

 SCENA XI
 
 VENCESLAO, CASIMIRO, ERNANDO, poi GISMONDO
 
 VENCESLAO
860Reo convinto, la spada
 deponi, o Casimiro.
 CASIMIRO
 La spada?
 VENCESLAO
                      Sì, la spada.
 CASIMIRO
 Eccola, o re. Già ’l core (Depone la spada sul tavolino)
 dispongo a sofferir mali più attroci.
 ERNANDO
865(Qual raggio a noi volgeste, astri feroci?)
 VENCESLAO
 Gismondo olà.
 GISMONDO
                              Sire, i tuo’ cenni attendo.
 VENCESLAO
 Custodirai ne la vicina torre
 prigione il prence.
 GISMONDO
                                     Eseguirò fedele.
 VENCESLAO
 Tu colà attendi il tuo destino.
 CASIMIRO
                                                       Offeso,
870orché deggio lasciarti,
 già sento in me la sua fierezza.
 VENCESLAO
                                                          Parti.
 CASIMIRO
 
    Da te parto e parto afflitto,
 o mio giudice, o mio re;
 volea dir mio genitor.
 
875   Ma poi tacqui il dolce nome,
 che più aggrava il mio delitto
 e più accresce il tuo dolor.