Gl’inganni felici, Venezia, Nicolini, 1696

 ATTO TERZO
 
 SCENA PRIMA
 
 Camera con letto.
 
 ALCESTE solo sul letto assiso
 
    Come puoi soffrir mio cuore
 tanto duol, tanti tormenti?
 
940   Certo stupido ti ha reso
 l'aspro peso del dolore.
 Egli è troppo e tu nol senti.
 
 No, che tutto non senti
 l'affanno mio che già t'ha tolto il senso,
945per troppa crudeltà fatto pietoso;
 così infermo, cui strugga
 nel furioso ardor le aduste vene
 febre troppo maligna, ebro delira;
 e tutte rivolgendo
950le piume, impaziente,
 più agitato dal mal meno lo sente.
 Ma merta un infedele
 tanti sospiri? A che divido l'alma
 per un crudel tra lacrime e singhiozzi?
955Ah che non piango lui! Piango me stessa;
 piango la rotta fé, l'onor perduto;
 quest'ultimo mio pianto
 a sì giusta cagion solo è dovuto.
 
    Pupille, lagrimate,
960dolenti mie pupille;
 
    e lagrimate tanto
 infin che tutta in pianto
 quest'alma si distille. (Sviene sul letto)
 
 SCENA II
 
 AGARISTA ed ALCESTE svenuto
 
 AGARISTA
 Alceste, Alceste? In su le molli piume
965tacito o posa o dorme; e mesto parmi
 che dal duol non respiri ancor dormendo.
 Folto nembo di pianti
 cade dagli occhi ancor che chiusi e irriga
 i pallori del volto.
 ALCESTE
970Oronta, Oronta e vivi ancor?
 AGARISTA
                                                      Che ascolto!
 ALCESTE
 Chiudi gli occhi per sempre. A che più aprirli
 a imagini funeste?
 A te sempre è infelice
 ed il nome di Oronta e quel di Alceste.
 AGARISTA
975Tanto duol fa pietà.
 ALCESTE
                                      Che veggio? Oh dio! (Alceste alzando gl’occhi e veduta Agarista, tosto risorge)
 Principessa, tu qui?
 AGARISTA
                                       Fammi palese,
 Oronta, il tuo dolor.
 ALCESTE
                                       (Certo m'intese).
 AGARISTA
 A che sesso mentir? Che più celarti
 a chi tutto il suo cuor t'ha già svelato?
980Chiuso mal s'inasprisce.
 ALCESTE
 Ma scuoprirlo non val, s'è disperato.
 AGARISTA
 Tale il fingi a te stessa
 e mi offendi, se taci.
 ALCESTE
                                        Eccomi pronta.
 Ma finirà, e 'l desio,
985col racconto dolente il viver mio.
 Oronta io son, prole infelice e sola
 al tessalo monarca. A la mia reggia
 venne Orgonte di Tracia. Un sol suo sguardo
 rubomi affetti e cuore
990e col nome di sposo, oh dio!, l'onore.
 Poi fuggì; de l'ingrato
 tosto l'orme seguii mentito il sesso
 e trovai l'incostante
 d'altra beltate in altra reggia amante.
995Vedi s'è giusto il duol.
 AGARISTA
                                           Sperar ti giovi.
 Forse un giorno vedrai l'infido Orgonte
 o punito o pentito.
 ALCESTE
 Si penta sì; non brama il mio tormento
 la morte del crudel ma 'l pentimento.
 AGARISTA
1000Tu a divertirti alquanto
 da le cure noiose,
 a la caccia vicina omai ti appresta.
 ALCESTE
 Purtroppo del mio sen, veltri spietati,
 fan l'aspre doglie mie caccia funesta.
 AGARISTA
 
1005   In amore a' godimenti
 non si va che co' tormenti.
 Soffrirai, penerai.
 Poi del mal l'aspra memoria
 sarà al giubilo tuo diletto e gloria.
 
 ALCESTE
1010Cedo a' consigli tuoi.
 Solo de l'esser mio la sorte e 'l grado
 taci; la mia onestà così richiede.
 AGARISTA
 Questo bacio ti sia pegno di fede. (Si baciano e partono abbracciate)
 
 
 SCENA III
 
 ARMIDORO
 
 ARMIDORO
 Pegno di fede un bacio? Occhi il vedeste?
1015E lo diede Agarista? E l'ebbe Alceste?
 Una sposa, un amico
 mi han tradito così? Dunque io dovea
 la chiarezza oscurar del sangue mio
 con gl'imenei d'una beltate impura?
1020Sorte fu ciò che vidi e non sciagura.
 Tu ricalcitri, o cuor? Tu le tue fiamme
 con quelle del mio sdegno ancor bilanci?
 Sento che vincer vuoi; né ben a tanta
 perdita sai risolverti e ti piace
1025ancor d'amante, ancor d'amico il nome.
 Ma confonder ti voglio,
 se vincer non ti posso. Ecco mi accingo
 a portar lunge il piè da queste soglie,
 per non mirar più mai
1030un empio amico, una lasciva moglie.
 
    D'oscure foreste,
 di sorde tempeste
 la fierezza tenterò.
 
    E vedrò
1035d'un amico sì crudele,
 d'una sposa sì infedele
 per me oggetto meno acerbo
 farsi l'orride belve e 'l mar superbo.
 
 SCENA IV
 
 Bosco.
 
 SIFALCE con guerrieri
 
 SIFALCE
 Questo è 'l luoco ove attendo,
1040cacciatore amoroso,
 quella, di cui son preda,
 mia bellissima fiera. Ove più folta
 nega l'ombra selvaggia adito al sole,
 taciturni e nascosti
1045l'attenderemo al varco; e alor che giunga
 cader l'irsute chiome
 vedremo al bosco e a questi orrori intorno
 nascer da que' begli occhi
 non conosciuto o non atteso il giorno.
 
1050   La beltà che mi ha rapito
 fra quest'ombre io rapirò.
 
    Con più rischio un vello d'oro
 già da Colco altri portò.
 Un più ricco e bel tesoro
1055oggi forse al greco lito
 con più gloria involerò. (Si ritira nel bosco)
 
 SCENA V
 
 BRENNO con cani e cacciatori
 
 BRENNO
 Prenda ognuno il suo posto
 ed i miei cenni osservi.
 Tu qui, Aiace; qui, o Silvio; e tu, Tersandro,
1060ove vai? Qui ti ferma
 e fa' che non ti fugga il mio Melampo.
 
    Il posto serbate,
 le reti tendete,
 i cani guardate.
1065Servite; tacete.
 
 Tutto è in ordine omai. Ben m'avvegg'io
 che una caccia a dispor non v'è un par mio. (Prende il suo posto)
 
 SCENA VI
 
 AGARISTA ed ORONTA da donna e BRENNO
 
 AGARISTA
 Insoliti accidenti; ed è Sifalce
 il principe di Tracia?
 ALCESTE
                                         Il tuo bel volto
1070può servir sol di scusa a quell'infido;
 e 'l difendo così dentro al mio cuore;
 è forza per quel volto arder d'amore.
 AGARISTA
 O sia che del tuo duolo
 la pietà mi rattristi, o sia che questi
1075solitari silenzi,
 rotti sol da' latrati
 de' famelici alani e sol dagli urli
 de le belve addentate,
 sian fomento a l'orrore, o che lo spirto
1080di vicin mal presago
 lo voglia anticipar col suo spavento,
 non so perché, l'alma languir mi sento.
 ALCESTE
 Così cerchi Armidoro; e l'occhio forse,
 che il rintraccia e nol vede,
1085ne avvisa il cuore e 'l cuore a l'alma il chiede.
 AGARISTA
 
    Ho 'l cuore oppresso
 perché non so.
 
    Forse il destino
 per più piagarmi
1090gode celarmi
 quel braccio stesso
 che mi piagò.
 
 SCENA VII
 
 SIFALCE con guerrieri e li sudetti
 
 SIFALCE
 Ecco il tempo opportuno! (A’ suoi soldati)
 Perdasi ogni riguardo. (Afferri improvisamente Agarista)
 AGARISTA
1095Aimé!
 BRENNO
               Coraggio amici. (Combattono e poi fuggono li soldati di Agarista)
 ORONTA
                                              Ah traditore! (Oronta trattenga Sifalce ed esso respingendola senza mai guardarla vada ritirandosi nel bosco)
 SIFALCE
 Oh dolce peso. Al lito
 tosto con grande acquisto.
 AGARISTA
                                                  E dove iniquo?
 ORONTA
 Ma pure... Ferma. (Come sopra)
 BRENNO
                                     Io volo
 col mesto avviso al genitor dolente. (Parte)
 AGARISTA
1100Oh dio! Padre! Armidoro!
 Chi mi aita?
 ORONTA
                          Deh arresta. (Lo fermi come sopra)
 SIFALCE
 Debole inciampo. (La rispinge senza guardarla)
 ORONTA
                                    Almeno
 guarda chi lasci. Forse
 ti spiacerà di non avermi uccisa.
1105Né mi bada, il crudel, né mi ravvisa.
 O vibra il ferro o me conduci ancora.
 SIFALCE
 Più tolerar non posso.
 Esser può di periglio ogni dimora. (Sifalce nell’uscir dal bosco, trattenuto da Oronta, impaziente rivolgendosi con furia l’urti e la getti in terra e poi si parta. Oronta resti in terra tramortita)
 
 SCENA VIII
 
 CLISTENE, ARBANTE, BRENNO e ORONTA tramortita
 
 ARBANTE
 Chi tanto osò?
 BRENNO
                             La figlia
1110qui ti fu tolta.
 CLISTENE
                            Ecco il terreno asperso,
 oh dio, di sangue.
 ARBANTE
                                   Io, sire,
 seguirò 'l traditore. A me confida
 le tue vendette ed al valor de' miei.
 BRENNO
 A dirti il vero, io non mi fiderei. (A Clistene)
 CLISTENE
1115Va', generoso Arbante.
 Poso sul tuo valor.
 ARBANTE
                                    Fia ben che tosto
 tu la figlia riveda.
 (Così ripongo in sicurtà la preda). (Parte co’ suoi guerrieri)
 
 SCENA IX
 
 CLISTENE, BRENNO e ORONTA
 
 CLISTENE
 Cieli, pietà vi muova
1120il mio crudel dolor...
 ORONTA
 Clistene, al ciel che spargi
 inutili querele? Il pianto fia
 d'una femina vil, non d'un re forte,
 ne' casi estremi antidoto ozioso.
 CLISTENE
1125Chi sei?
 ORONTA
                   Su, tosto al lito
 manda armate falangi e fa' che tosto
 fiedano il seno a Teti
 contro il trace rattore i grechi abeti.
 BRENNO
 Ecco un novello imbroglio.
 CLISTENE
1130Come! Il trace rattor?
 ORONTA
                                          Sì che dal trace
 vengono i tradimenti. In quel Sifalce
 sta ascosto il figlio al re de' Traci, Orgonte.
 CLISTENE
 Ed io, misero, al trace
 me stesso confidai.
 BRENNO
                                      Sempre il dicea
1135che quel ceffo di spia non mi piacea.
 CLISTENE
 Come il sai?
 ORONTA
                          Pochi indugi
 fan certa la tua perdita. Che badi?
 CLISTENE
 Ite in Elide e voli
 tosto al lido ogni armato; escan dal porto
1140i corredati legni.
 Se la figlia è perduta, anch'io son morto.
 
    Parche troncate
 il mio vivere per pietà.
 
    Se mi serbate
1145per tante pene,
 per me la vita
 non è piu bene
 ma crudeltà.
 
 SCENA X
 
 ORONTA
 
 ORONTA
 Andiamo, occhi dolenti,
1150a dar gli ultimi pianti
 sol per vostro sollievo al lido asciutto.
 Forse de l'infedel potrem nel guardo
 incontrar chi me uccida e a voi risparmi
 un lagrimar più lungo; o forse il mare
1155fia che al lido il rispinga,
 non perché d'un sospir, d'un pianto solo
 egli onori il mio duolo,
 ma perché con un colpo
 termini la mia morte e poi mi lasci,
1160lordo ancor del mio sangue,
 in su l'arene ombra insepolta, esangue.
 
    Il morir mi sarà grato,
 se mi uccide il fier che adoro.
 
    E spirando a lui dinante
1165l'alma amante,
 potrò dirgli almeno: «Ingrato,
 per te vissi e per te moro».
 
 SCENA XI
 
 Strada montuosa che guida a spiaggia del mare.
 
 ARMIDORO con seguito de’ suoi alla greca
 
 ARMIDORO
 Pur da l'infame tetto,
 da' sacrileghi muri, e pur son lungi
1170da l'impura Agarista,
 dal mentitore Alceste; e sol son meco,
 arbitri del mio cuore,
 pentimento e furore.
 Deh Agarista, deh Alceste,
1175nomi per me fatali
 di memorie funeste;
 ah perché non poss'io
 ad onta del mio duol porvi in obblio?
 
    L'alma mia si scuote invano
1180per tornare in libertà.
 
    Dico al cuore: «Infrangi i lacci»;
 ei risponde che non sa.
 Dico a l'ira: «Amor si scacci»;
 ella il tenta e poi nol fa.
 
 SCENA XII
 
 SIFALCE con guerrieri, AGARISTA e ARMIDORO in disparte
 
 SIFALCE
1185Di che temi? Che piangi?
 AGARISTA
                                                 Ancor, vil alma,
 tenti gli affanni miei.
 ARMIDORO
                                          Cieli che miro!
 AGARISTA
 Se non vuoi che m'affliga, a me nascondi
 l'odiosa tua fronte.
 SIFALCE
 Co' baci un dì vendicherò quest'onte.
 
1190   Meco crudel così
 non sarai sempre.
 
 AGARISTA
 
    Vorrei svenarmi,
 se mai credessi
 teco placarmi.
1195Ti fuggirò,
 ti abborrirò
 né cangerò mai tempre.
 
 SIFALCE
 Parmi che Arbante tardi. Io qui fomento
 con l'indugio i miei rischi. Andiam mio bene.
 AGARISTA
1200Parli a un tronco o ad un sasso?
 SIFALCE
                                                           Al voler mio
 chi sottrarti oserà? (Afferrandola per condurla al mare)
 AGARISTA
                                      Deh chi mi aita?
 ARMIDORO
 Benché nol merti, a tuo favor son io. (Avvanzandosi verso Agarista)
 AGARISTA
 O caro difensore!
 SIFALCE
                                   O fiero oggetto!
 ARMIDORO
 Dove imparasti, uom vile,
1205a rapir principesse?
 SIFALCE
 Menti; uom vile tu sei né i miei natali
 sono men che reali.
 ARMIDORO
 Nacqui principe anch'io; stringe in Atene
 scettro gemmato il genitor Clearco.
 SIFALCE
1210Dunque a l'armi.
 ARMIDORO
                                  Son pronto.
 SIFALCE
                                                          Alcun sì ardito (A’ suoi soldati)
 non fia che turbi 'l mio cimento. Io tutto
 de l'illustre vittoria
 voglio il merito sol, voglio la gloria.
 Custodite Agarista
1215in premio al vincitor.
 ARMIDORO
                                          Così desio.
 AGARISTA
 (Se non vince Armidor, morta son io). (Si battono)
 SIFALCE
 (Quanto è forte costui!) Posiamo alquanto. (Si ritira un passo addietro)
 ARMIDORO
 Sinch'io non vinca o perda,
 non so depor la spada. (Torna ad assalirlo)
 SIFALCE
1220Ma forza alfin sarà che al suol tu cada. (Tornano a battersi)
 ARMIDORO
 Pur sei vinto. (Cade Sifalce piagato)
 SIFALCE
                             Due volte,
 sia fato o tua virtù, meco pugnando
 invitto trionfasti,
 col braccio atleta e cavalier col brando.
 ARMIDORO
1225Agarista è pur mia?
 SIFALCE
                                       Forza di fato.
 AGARISTA
 Sì Armidoro, son tua; tu mio sarai.
 Non mi rispondi?
 ARMIDORO
                                    Meco
 vieni, infedele e non parlarmi mai.
 AGARISTA
 
    A me infedel? Perché?
 
 ARMIDORO
 
1230Non mi parlar.
 
 AGARISTA
 
    S'è tua quest'alma,
 tuo questo cuore,
 di qual errore
 mi puoi sgridar?
 
 SCENA XIII
 
 SIFALCE ferito
 
 SIFALCE
1235Con l'acciaro nemico
 punì 'l ciel le mie colpe. Il sangue mio
 mi rinfaccia delitti e vergognosa
 così l'alma sen fugge e mi abbandona.
 Oronta al cuor risuona
1240miserabile spettro, ombra infelice,
 da me amata e tradita.
 O memoria crudele!
 Tu mi dai morte e non il ferro e sento
 in te, non ne la piaga il mio tormento.
1245Ma già manca lo spirto,
 vacilla il piè, l'occhio si oscura e tutto
 il giorno mi tramonta. (Cade)
 Col mio morir sei vendicata, Oronta.
 
 SCENA XIV
 
 ARBANTE e SIFALCE caduto
 
 ARBANTE
 
    Tosto il lino aprasi a' venti.
1250Sotto il pino frema l'onda,
 fugga il lito e a noi s'asconda...
 
 Ma che veggio! Qual sangue
 han bevuto l'arene! Orgonte, Orgonte.
 Tu piagato! Tu estinto!
1255Qual ferro osò cotanto! Ed impunito
 è 'l traditor fuggito!
 Ah cada pria l'empio uccisor esangue;
 poscia col pianto mio spargasi il sangue.
 SIFALCE
 Deh mio Arbante.
 ARBANTE
                                    Mio prence.
 SIFALCE
1260Questi ultimi miei prieghi
 non lasciar che sian vani.
 De l'uccisor rivale
 l'orme non inseguir. Viva egli in pace.
 Aggiungi a la mia morte
1265pene, se tu l'uccidi. Ah non lasciarmi
 ch'io passi la funesta
 riva di Flegetonte, ombra più mesta.
 ARBANTE
 M'è legge il tuo voler. Coraggio, Orgonte.
 
 SCENA XV
 
 ORONTA e li sudetti
 
 ORONTA
 Aimè! Che oggetto è questo?
1270Non è quello il sembiante... (Corre e si getta sopra il corpo di Sifalce)
 Sì ch'egli è desso. Orgonte, anima mia,
 volea stringerti un giorno
 ma tal non ti volea. Ditemi, o cieli,
 cieli troppo inclementi,
1275vi chiesero mai questo i miei lamenti?
 Ah che pria da le fauci
 io strappata mi avrei l'infame lingua.
 ARBANTE
 Crescon le pene mie nel duolo altrui.
 ORONTA
 O volto, o petto in cui
1280son io piagata! O sangue
 con cui mi uscì lo spirto! Ah crudo ferro,
 ch'hai questo sen trafitto,
 vieni anche il mio trafigi! A la mia destra
 così risparmierai forse un delitto.
 SIFALCE
1285O dio!
 ARBANTE
               Spira per anco.
 ORONTA
                                             E trattenuta
 i miei caldi sospiri han la fredd'alma.
 Ma tempo non è questo
 d'un inutil dolor. Di terra, amici,
 sollevatelo alquanto. Ecco a la piaga (Arbante solleva di terra Sifalce ed Oronta, sostenendolo con una mano, con l’altra li lega al petto un annello)
1290applico questa pietra,
 cui dier forza le stelle
 di stagnar tosto il sangue,
 di rincorar gl'inermi spirti.
 ARBANTE
                                                    Ed ecco
 ch'ei le languide luci apre e respira.
 SIFALCE
1295Son questi de la morte
 forse i torbidi regni?
 ARBANTE
                                         Egli delira.
 SIFALCE
 Questa forse d'Oronta è la sembianza
 che mi rinfaccia i tradimenti e l'onte?
 ORONTA
 O delirio gradito!
 SIFALCE
1300O troppo a me fedel, troppo ingannata
 bell'ombra, eccoti Orgonte alfin pentito.
 ORONTA
 Caro Orgonte, vaneggi. Ancor tu vivi,
 non so se per fuggirmi o per bearmi.
 Tu vivi e se nol credi il sol rimira
1305pallido a' tuoi pallori.
 Senti l'aura che geme
 mossa da' tuoi respiri,
 scossa da' miei sospiri; è quello il lido
 d'Elide e questo è Arbante
1310che ti sostien pietoso. Io sono Oronta,
 non ispirto, non ombra; e se nol credi,
 questa man tel confermi
 che non han tatto l'ombre o i nudi spirti. (Gli dà la mano)
 SIFALCE
 Son vivo? Il credo; il sento
1315a' tuoi begli occhi e nel mio fier tormento.
 Aborrirei la vita,
 se non fosse tuo dono.
 Vivrò, mia cara Oronta,
 vivrò ma per amarti e perché 'l pianto
1320l'offese che ti feci un dì cancelli.
 ORONTA
 Voglio affetto e non pianto, occhi miei belli.
 ARBANTE
 Sorger miro da lungi
 folti nembi di polve. Ad ogni rischio
 la fuga ci sottragga.
 ORONTA
                                      Io nulla temo.
1325Andiam pur ne la reggia
 da l'amor di Agarista
 io mi prometto ogni perdono.
 SIFALCE
                                                        Andiamo.
 ORONTA
 Ti seguo, o caro; e tu sostienlo, Arbante.
 ORONTA e SIFALCE A DUE
 Finito ha di penar l'anima amante.
 SIFALCE
 
1330   Perché ognor ti viva in petto,
 io ti rendo il cuor già tolto.
 Sento e vedo il mio diletto
 nel tuo seno e nel tuo volto.
 
 ALCESTE
 
    Tu mi rendi il cuore amante
1335e 'l mio cuor ti rendo anch'io.
 Ma io ritrovo il tuo incostante
 e fedel tu trovi il mio.
 
 SCENA XVI
 
 Sala regia.
 
 CLISTENE
 
 CLISTENE
 Sommo Giove, al cui tempio
 per me splendono l'are
1340e ognor fumano accensi
 da corteccie sabee succhi ed incensi,
 pietà ti muova un genitor languente,
 rendimi tu la figlia
 e ritorna la pace a un re dolente.
 
1345   Concedimi ch'io trovi
 la figlia a me sì cara.
 
    La morte io non pavento
 ma con sì gran tormento
 la morte è troppo amara.
 
 SCENA XVII
 
 BRENNO e CLISTENE
 
 BRENNO
1350Allegrezza, allegrezza.
 È vicina la figlia.
 CLISTENE
                                  Ov'è? Ma come?
 Chi vien seco? O gran Giove!
 BRENNO
 Lo fa impazzir la troppa contentezza.
 Allegrezza, allegrezza.
 
 SCENA XVIII
 
 ARMIDORO, AGARISTA e li sudetti
 
 AGARISTA
1355Che ti turba? Che feci? In che peccai?
 ARMIDORO
 Vieni, infedele, e non parlarmi mai.
 CLISTENE
 Figlia, pur ti riveggio. E qual buon nume
 ti sottrasse a quegli empi?
 AGARISTA
                                                   Ei fu Armidoro,
 il mio bene, il mio sposo.
 ARMIDORO
                                                Io ti detesto
1360quanto prima t'amai.
 CLISTENE
                                          Demetrio è questo.
 ARMIDORO
 Sì Demetrio son io; sposo dovea
 esser a la tua figlia e già fu tempo
 che l'amai, che la chiesi e l'acquistai...
 Ora l'odio, or la fuggo.
 CLISTENE e AGARISTA A DUE
                                           E perché mai?
 ARMIDORO
1365Chiedilo a l'opre tue.
 AGARISTA
                                         Sono innocente.
 ARMIDORO
 «Questo bacio ti fia pegno di fede?»
 E l'ebbe Alceste ed Agarista il diede.
 AGARISTA
 O vana gelosia!
 ARMIDORO
                               Par poco un bacio
 al labro che lo impronta?
 AGARISTA
1370Diedi un bacio ad Alceste e l'ebbe Oronta.
 ARMIDORO e CLISTENE A DUE
 Che Oronta?
 BRENNO
                           Alfin da tante risse io veggio
 nascer più cara pace.
 AGARISTA
                                         Alceste è donna,
 principessa qual io,
 figlia al tessalo re, per nome Oronta.
 ARMIDORO
1375Fole son queste. E perché qui nascosta
 sotto abito virile?
 AGARISTA
 Per seguir di Sifalce
 o di Orgonte più tosto, il tracio prence
 in Sifalce celato,
1380che tradita l'avea, l'orme infedeli.
 CLISTENE
 Respiro.
 ARMIDORO
                   E dici il vero?
 BRENNO
 Tutto vi posso anch'io
 in parola giurar di cavaliero.
 CLISTENE
 Innocente è la figlia.
 ARMIDORO
1385A torto sospettai, perdona, o cara.
 AGARISTA
 
    Ti voglio ben amante
 ma non così geloso.
 
    D'ogni sguardo che volgerò,
 d'ogni bacio che dar potrò,
1390non turbarti, dolce mio sposo.
 
 SCENA ULTIMA
 
 ORONTA, SIFALCE, ARBANTE e li sudetti
 
 ORONTA
 Principessa, a' tuoi piedi eccoti Oronta.
 Per mia bocca già Orgonte,
 or mio sposo e pentito, e seco Arbante
 ti chiedono perdon de' lor delitti;
1395e al real genitor per me tu 'l chiedi.
 AGARISTA
 Amica Oronta, un dì sì lieto e caro
 non si turbi dagli odi; e tu, mio padre,
 perdona, io te ne priego,
 agli errori d'Orgonte e a quei d'Arbante.
 CLISTENE
1400Agarista, non più. Basta un tuo priego,
 basta il merto d'Oronta
 a vincer del mio sen tutti i rancori;
 né giusto è che lo sdegno
 venga a turbar così felici amori.
 SIFALCE
1405Da le tue grazio vinto.
 ARBANTE
 E dal rossor de le mie colpe.
 A DUE
                                                     Io taccio.
 CLISTENE
 Ed io, in segno d'affetto, ambi vi abbraccio.
 SIFALCE
 E voi pur condonate, anime illustri,
 un delirio d'amor.
 AGARISTA, ARMIDORO
                                    L'idolo mio
1410stringendo al seno ogni vendetta obblio.
 CLISTENE
 Gl'imenei fortunati
 non si ritardin più.
 ARMIDORO
                                      Vuoi tu ch'io sia
 Armidoro o Demetrio?
 AGARISTA
                                             Entrambi i nomi,
 perché tuoi, mi son cari.
 BRENNO
1415Son finiti gl'affanni.
 ARMIDORO e SIFALCE
 O dolci pene!
 AGARISTA ed ORONTA
                            Ed o felici inganni!
 A QUATTRO
 
    Fuggite dal cuore,
 noiose mie pene.
 
 AGARISTA ed ORONTA
 
    Già stringo...
 
 SIFALCE ed ARMIDORO
 
                              Già annodo...
 
 A QUATTRO
 
1420La candida mano...
 
 AGARISTA e ORONTA
 
 Che sola stringea...
 
 SIFALCE e ARMIDORO
 
 Che sola tenea...
 
 A QUATTRO
 
 Quest'alma in catene.
 
 Il fine