Metrica: interrogazione
39 incipit dei  pezzi solistici d'uscita in Il Teuzzone Milano, Malatesta, 1706 
   Sostenerti ancor sul trono
   Dirò ad altri: «Mio tesoro,
   Sarai mio; (A Cino) (lo dico a te) (A Sivenio)
   Numi eterni, gli affetti innocenti
   Vanne... Digli... Sì, digli ch'io tacqui
   Non si serva con mia pena
   Sparsi a l'aure ite, o vessilli;
   Pria di partir da voi, luci adorate,
   Vizio esulta e virtù sta languendo.
   Troverò qualche conforto
   Chi vi oltraggiò, begl'occhi,
   Prova sia di mia innocenza
   Troppo offendo il bel che adoro
   Disunirmi non può vil timore
   Se credi a quel bel labbro
   In te, mio amore, (A Sivenio)
   Benché io l'ami, soffro in pace
   Quest'amplesso a la mia sposa

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 63