Metrica: interrogazione
510 settenari (recitativo) in Venceslao Bologna, Pisarri, 1708 
grand'esempio e gran pena,
del poter nostro. Hai vinto;
vieni, onde al sen ti stringa,
                                O sempre
non dee lasciarmi ingrato.
                Temo nel prezzo
Vil non fia ciò che puote
tutto il premio ch'io cerco,
in sé racchiude un volto.
                    Ernando amante?
                 (Ah! Più nol soffro).
                            Ammutisci,
che non fia chi 'l sorpassi
E ch'ei tema, gli aggiugni,
che un mio servo, un Ernando
stranieri in quella corte...
                     È morta forse?
             Che far poss'io?
                              Lucindo.
                    Sì, l'erede
fa' ch'io 'l sappia, onde fine
                            E grande!
                  Or la dimora
Ma quale è il tuo consiglio?
                              Oh dio!
                   (Fra sé che pensa?)
                             Perché?
                L'amor di Ernando
grave offesa è al tuo grado.
Questo è 'l tuo sol comando,
                                       Amore.
                    Spergiuri affetti,
Se ti offendon gli applausi,
più de l'Istro e del Tebro,
                      (E impallidisce).
               Prendi e rimira.
«Per quanto ha di più sacro, (Legge)
signor. Mentito è 'l grado,
                   Casimiro,
tuo egual che meco io trassi
                                Assento;
                    Già nel mio core
Parli il labbro e 'l confessi,
Fuor del mio sposo, ogn'altra
Egli è il prence, è l'erede
                       Che arrechi?
già sposa ad altri amplessi.
                                   È tempo...
Su, strigni il ferro; e temi
                    Io cedo, o forte
La notte avanza; e 'l prence
                               Gismondo,
Che acciaro è quel? Che sangue
                  Parla.
                               Poc'anzi...
Andai... Venni... L'amore...
                                         O dei!
                                   Ed io,
Io morto? Ho vita, ho spirto
                            O ferro!
sparso era il ciel, quand'egli
traffitto... ahimè!... Perdona
                                 O cieco
                     Sì, la spada.
Questa è, o re, la tua fede?
sotto i cui raggi io nacqui,
                              Venga.
                                Deh, come
                            E vita
                                 Regina,
                    In Casimiro
                             Padre.
Va' pur; ti è cara, il veggio,
                       Tu piangi?
                               Sì tosto
Pera anche il re; ma 'l colpo
che tu 'l comandi o 'l vibri?
                                Parmi
                            E senza
                       E prendi in questo
                    Ahi pena!
                                         Ahi sorte!
                    Sì, ma vanne
                           Opportuno
                                Al soglio,
                               Conviene

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8