Metrica: interrogazione
512 settenari (recitativo) in Pirro Venezia, Pasquali, 1744 
Venga: udrem ciò che arrechi.
Pirro, altier non ti renda
Di quest'ossa insepolte,
del tuo, del nostro sangue
diasi fine anche agli odi.
l'uso ten giovi. Or pensa
Là, dove empie Cassandro
Non di onor, non di sangue
oltre il Nilo e l'Eufrate
Non lo invidio, e non sono
suo acquisto, e mia sciagura.
sire, è il destin, che quanto
crederà di esser vinto.
Ne' giardini di Ellenia,
Recherallo un mio servo.
stringono il sacro impegno.
Son fra due colpe: all'uno
seguo? a qual manco? O numi!
Ma, ti è noto qual abbia
Ciò che in altri esser colpa
                                  Al poco,
dalle mie braccia a quelle
                            Mio caro,
              Eccelso regnante,
l'Asia, la terra all'armi
                 Figlio, Arideo,
Giovami; e s'ella il nega,
                                 Ismene,
Tel rendo, e t'offro insieme
Tu il nodo e il grado accetta;
Cassandro, a core aperto,
Due gran cose ad un tratto
m'offri , e tra loro opposte:
E le offri a me, che al pari
può far vile il consenso,
Cassandro, insin che al fianco
ti dono il mio; t'innalzo
Va': discolpa il tuo fallo
Gli avanzi di quel sangue
Sin d'allor mi scegliesti
quel trono in cui ti assidi.
posso al tuo esempio anch'io...
Non più: risolvi, e accetta...
               L'onor del grado.
tutta ardir, tutta sdegno,
Ho scelto, iniquo, ho scelto.
Prendi, Ismene, e rischiari
S'ei non vi assente, in breve
da man sì illustre, in voi
bacio... Ah! gl'impeti, Ellenia,
Ma donde il foglio avesti?
                        Rammenta
                           Del volgo
                             Che temi,
la mia fede, il mio onore.
Più che una dubbia guerra
figli di un cor che t'ama,
Se quelle, e questa assolvi
tua illustre figlia, a lui
Giovan, Glaucia, a Cassandro
Sì, sì; negli occhi andiamo
di Ellenia... eccola appunto.
Principe, è così immensa
Tutto il mio ben non sento,
con la gloria di un regno,
Quel coraggio, che in campo
Pugna, vinci, e fra l'armi
Addio, diletta Ismene. (In atto di partirsi, s’incontra in Ciro)
Pirro, il maggior de' mali
                         Miei fidi,
Sei pure ingiusta! Io t'amo,
Che! Fra ceppi anche Glaucia?
Non ha Glaucia altri ceppi
Di Pirro? Ah, ti par tempo
                       E ch'era il prezzo
mi parlò del suo affanno;
              Imperi Cassandro
da un tuo misfatto. Hai rotti
                           Ti han tolta
che il tuo campo si sciolga;
Ti concedo il mio affetto.
Segui 'l giusto: e l'accetto.
Non più, non più. Custodi,
da re impera, e da padre).
                               Sire...
                        Che?
                                    Di Glaucia...
mio dono, e tua conquista.
                              Pronta.
Tu il mio vago, tu il caro,
                             Glaucia,
                                     Taci;
                                     Assolvi
Prence, adunque egli è vero
Facciasi. Il torre a' ceppi
L'opra a dispor ti affretta,
Mi è pur dolce il salvarti,
                                      Ismene,
Quanto deggio a un inganno!
Sì, pera; e con lui spento
(Qual destin mi sovrasta?)
Glaucia, principe, amico...
                                     Prendi (Consegna a Pirro una spada, tolta di mano ad una delle sue guardie)
Questo acciar, che mi lasci,
se il vuoi, sarà il ministro
Glaucia, Arideo, Cassandro,
                       Empio, in quel punto
dimmi il fallo, e il rinfaccia
fallo che all'Asia, al mondo
                  Avete altri mostri
             Vergine illustre,
                                  A Pirro?
Che? forse il neghi? o in lui
                            Intesi.
dell'amor nostro: ei chiede
Glaucia, tu fuor de' ceppi
Venga Ismene. In chi regna
ciò che mi diede inganno;
ne' tuoi lumi, o Cassandro.
(Miei lumi, egli è pur desso!
che temo? e qual mi scorre
M'inganno? In questi orrori
Tu, spento il primo ardore,
(Sta confuso, e nol crede).
(Son io più Pirro? o tutti
Trovo in Glaucia un nimico;
Prendi, impugna quel ferro,
                                      Forse
tu le mie nozze... (Sopravviene un servo, che presenta a Pirro una carta)
                                  E quale
«Nel bosco a Cintia sacro
qual più brami in soggiorno,
la tua reggia, o il mio campo.
No, Pirro. Ovunque andrai,
Troppo importa a quest'alma
della Tracia è il governo.
dignità più si apprezza,
Mori, perfido, mori. (Snudato il ferro si avventa, seguito da’ suoi, contro Demetrio)
che in tuo nome a Cassandro
(Eterni dei, che ascolto!)
                                Vil alma,
Torna, autor de' miei mali,
con virtù, non con frode.
Ecco il ferro, ecco il campo.
Che udii! che vidi! Ah, Pirro,
ramminga, in odio al padre,
Colà ti ascondi; e intanto
sien di amor, non di sdegno.
questa, ch'io ti presento,
Pirro è innocente. O voi,
La sua fede è il gran bene
Più non basta a Cassandro
l'amor di Pirro. In questo
Vo' che ora sii mia sposa,
verrò col braccio istesso
che o per vostro conforto,
tu dei, signore, un figlio.
il mio sdegno, e il mio amore.
Gran re, da un tuo comando
la man di Ellenia ottenni;
Hai vinto, o cielo! hai vinto.
                    O fede!
                                    O gloria!
Pirro, abbastanza illustre

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8