Metrica: interrogazione
508 settenari (recitativo) in Venceslao Torino, Gattinara, 1721 
O del regno polono, (A’ piedi di Venceslao)
del poter nostro. Hai vinto;
Vieni, onde al sen ti stringa,
                                O sempre
generoso Alessandro. (Si abbracciano)
                Temo nel prezzo
tutto il premio ch'io cerco
                 Ernando amante?
                 (Ah! Più nol soffro).
                            Ammutisci,
che non fia chi 'l sorpassi
E ch'ei tema, gli aggiugni,
ch'un mio servo, un Ernando
                                   (O numi).
                              Lucindo.
                    Sì, l'erede
fa' ch'io 'l sappia, onde fine
                           E grande.
                  Or la dimora
Ma qual è il tuo consiglio?
               Riparo allora
                              O dio.
                             Perché?
                L'amor di Ernando
grave offesa è al tuo grado.
Questo è il tuo sol comando,
                                       Amore.
              Signor.
                              Di Ernando
più de l'Istro e del Tebro;
                  (L'empio si turba).
                                Deh arresta,
                                   (O note!)
                  Prendi e rimira.
«Per quanto ha di più sacro, (Legge)
signor. Mentito è 'l grado,
lacerato in più parti (Lacera il foglio)
                   Eh, padre, credi
tuo egual che meco io trassi
                                Assento
                    Già nel mio core
Parli il labbro e 'l confessi;
Per più macchiar?... Ma dove,
Voglio esser reo, né posso.
d'un tal rifiuto. Un foglio? (Il servo glielo porge)
Leggiam che arreca. (Il prence legge)
Oh ciel! Che leggo? Ah stelle!
e se ora temo, temo (Casimiro si scuote)
E vita ed innocenza (Alterato)
Fede non le giurasti? (Casimiro sta pensoso né la guarda)
«O parte di quest'alma (Se li accosta)
Dunque all'armi, spergiuro. (Ponendo mano a la spada)
Su, strigni il ferro; e temi
Se' vinto ed è il tuo torto
Che sento? Ella è Lucinda? (Il re si leva dal suo posto e si affretta a scendere a basso)
                          Alfine
Che acciaro è quel? Che sangue
                  Parla.
                               Poc'anzi...
Andai... Venni... L'amore...
                            (O ferro!
Signor, che il tuo potere (A’ piedi di Venceslao)
sparso era il ciel, quand'egli
la libertà del pianto... (Piange)
                              (O cieco
Quell'orror, quel pallore, (Additando Casimiro che sta confuso)
quel ferro ancor fumante (Casimiro si lascia cader lo stilo di mano, tutto confuso)
                    Sì, la spada.
Eccola, o re. Già 'l core (Depone la spada sul tavolino)
O dal figlio e dal padre, (Piange)
            Dal duro uffizio
                                Or vanne
               Dal reggio labbro
anch'io voglio, anch'io giuro
                             Deh, come
                             E vita
                                 Regina,
                    In Casimiro
                             Padre.
Va' pur, ti è cara, il veggio,
                               Sì tosto
                                Parmi
                            E senza
                       E prendi in questo
                    Ahi pena!
                                         Ahi sorte!
                    Sì, ma vanne
Erenice, Lucinda, (Passeggiando furioso)
                                Al soglio,
piego umil le ginocchia. (Casimiro ascende alcuni gradini del trono e s’inginocchia al padre)
                               Conviene

Notice: Undefined index: metrica in /home/apostolo/domains/apostolozeno.it/public_html/library/opera/controllers/Metrica/queryAction.php on line 8