Metrica: interrogazione
103 settenari (pezzi chiusi) in Caio Fabbricio Vienna, van Ghelen, 1729 
da noi s'involerà. (Il canto è accompagnato dal ballo)
l'incomodo avvenir. (Finito il ballo ed il canto, tutti si partono e rimane libera la scena, il cui prospetto si chiude)
  No; che de' tuoi spergiuri, (A Pirro)
Né tu 'l diletto avrai, (A Sestia)
   Ne l'ire mie pur sento (A Pirro)
qualche pietà per te. (Affettuosa)
   Quella è mia figlia; e 'l mio (A Pirro)
Stinguer un pravo ardore (A Pirro)
Ma ciò che esigga onore, (A Sestia)
con sé si sdegnerà. (In questo viene il capitano delle guardie di Pirro a parlargli all’orecchio e poi al cenno di Pirro si parte)

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8