Metrica: interrogazione
77 settenari (pezzi chiusi) in Venceslao Pesaro, Gavelli, 1724 
   Che onore da te speri, (A Venceslao)
che tema il tuo furore (A Casimiro)
   Ma gl'alti suoi pensieri
   Verrò già lieto e fido
   Beltà che più non piace
   Se il cielo in più sembianti
io perché ingiusto a tanti
   T'attendo in campo armato
   Segue dall'orno al faggio,
   Se più rimango, io moro;
   Vado costante a morte,
   Pensando al tuo gran duolo,
sento il mio cor men forte,
   Quando rimbomba il tuono,
in questa parte e in quella,
  Taci; non dir d'amarmi,
   Di' che la morte ancora,

XXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX 8